Roma e gli investimenti stranieri: in un anno 39 miliardi di euro

Print Friendly, PDF & Email
Roma

Servizi efficienti, wi-fi e burocrazia semplice sono i criteri che una città deve possedere per risultare attraente agli occhi degli investitori stranieri.

E Roma, in questo, deve ancora crescere.

La città eterna sembra una discreta outsider, messa a confronto con le altri capitali europee, rientrando a fatica tra le prime 10 metropoli più attrattive a livello imprenditoriale.

Solo il 7% dei top manager internazionali indicano Roma come un mercato interessante su cui investire, come risulta dal rapporto elaborato lo scorso anno dalla società di consulenza Attractiveness Survey di Ernst & Young. 

Un buon risultato anche se lontano ancora anni luce dal 57% di Londra, dal 43% di Parigi e dal 29% di Berlino.

3 città posizionate al vertice della classifica perché hanno vinto la sfida sui mercati, grazie alla loro efficienza dei servizi e a una visione politica lungimirante.

A Roma però non mancano denari, che arrivano un po’ da tutta Europa.

Sono 39, i miliardi di euro degli investimenti stranieri nella capitale, come calcolato dalla Banca d’Italia nel marzo del 2015, all’interno del working paper dal titolo “Inward foreign direct investment and innovation”.

Tra i primi investitori internazionali, i Paesi Bassi con 9,9 miliardi di euro, seguiti da Regno Unito (5,3 miliardi), Lussemburgo (5,2 miliardi) e Francia (5,1 miliardi).

Roma

William Kentridge, “Triumphs And Laments”: opera che l’artista sudafricano ha regalato alla città.

Un bilancio positivo, anche se in difetto rispetto a un’altra città italiana: Milano.

Nel solo 2015, sempre da un report della Banca d’Italia, il capoluogo lombardo ha canalizzato ben 267 operazioni di investitori stranieri, contro le 106 di Roma.

A discapito delle polemiche, come lo scontro tra il ministro Franceschini e il vice-sindaco Bergamo, per essere una città competitiva e appetibile sul mercato, Roma deve rilanciare se stessa.

Perché non basta il Colosseo o l’introduzione di agevolazioni fiscali.

Per crescere serve un’amministrazione trasparente, efficiente e vantaggiosa per il business.

Una sfida tutta da vincere.

Fonte: Repubblica

Potrebbe interessarti:

Roma: dopo i danni degli hooligans parte il restauro finanziato da mecenati olandesi
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti