KAYAK.it, perplessità degli italiani sui nuovi controlli nelle frontiere Usa

Print Friendly, PDF & Email
Ricerca Kayak.it controlli ingresso Usa

Alla luce dei nuovi controlli alle frontiere americane indette dall’amministrazione Trump, il motore di ricerca viaggi KAYAK.it ha condotto un sondaggio per scoprire quanto gli italiani siano disposti a fornire informazioni sensibili come le password dei loro account social.

Dall’indagine è emerso come il 39% si sia detto disponibile, se necessario, a fornire i dati richiesti ma non si sentirebbe affatto a proprio agio nel farlo, mentre il 31% si rifiuterebbe. Oltre la metà (54%) degli intervistati considera la richiesta delle autorità Usa un’invasione o una diretta violazione della propria privacy.

In particolare, il 38% degli intervistati teme che la condivisione di simili dettagli possa portare ad accessi non autorizzati al proprio conto corrente o ad altri dati sensibili, mentre il 40% ritiene necessario proteggere queste informazioni per evitare che i propri account social vengano violati da sconosciuti.

Discorso simile se si parla di informazioni legate alla vita privata: il 44% fornirebbe i dettagli richiesti senza però sentirsi a proprio agio  mentre il 10% si rifiuterebbe di rispondere a domande di questo genere.

Più è alta l’età e più aumenta il desiderio di tutelare la propria privacy: se nella fascia tra 25 e 34 anni gli italiani disposti a condividere informazioni sensibili sono il 52%, la percentuale diminuisce drasticamente tra gli over 65 (29%) e nella fascia 55-64 anni.

Secondo KAYAK.it, controlli più severi potrebbero avere ripercussioni sul turismo: il 26% degli intervistati rinuncerebbe a recarsi in Paesi che prevedono l’obbligo di fornire le password dei propri account social mentre il 44% non escluderebbe a priori tali mete ma darebbe precedenza ad altre destinazioni.

La ricerca di KAYAK.it mostra che l’intensificazione delle misure di sicurezza e l’eventuale introduzione dell’obbligo di condividere con le autorità i dettagli di accesso ai propri account social o altre informazioni sensibili potrebbero avere ulteriori importanti ripercussioni sul mercato turistico statunitense – commenta Gurhan Karaagac, esperto di viaggio KAYAK – Monitorare costantemente le opinioni degli italiani anche in merito a fatti di attualità che, come in questo caso, hanno un’eco e un impatto globali, ci consente di individuare le ultime tendenze in fatto di viaggio e di conoscere meglio i nostri utenti per garantire loro sempre la migliore esperienza possibile”.

Info
www.kayak.it

Potrebbe interessarti:

CONTROLLI D’INGRESSO ALLA PARTENZA PER CHI ANDRÀ NEGLI STATI UNITI

SICUREZZA NEGLI AEROPORTI, COME È CAMBIATA CON IL TERRORISMO

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

KayakUSAvoli

Vai alla barra degli strumenti