Ecco Borbot, il robot virtuale della Reggia di Caserta

Print Friendly, PDF & Email
Borbot Reggia di Caserta

Lo Scorso 3 maggio è stato presentato alla Reggia di Caserta il primo “assistente virtuale” per turisti in uso in un Museo italiano di nome “Borbot” creato da 360open, start-up fondata nel 2015 e formata da quattro ragazzi casertani di 30anni.

Il nome Borbot è un acronimo di Borboni e Robotica. Il robot è un prototipo di Intelligenza Artificiale applicata ad un bene culturale, un ometto con corona e mantello da re.

Il progetto è nato quasi per caso. Tutto è nato da un test fatto da uno dei membri della start-up che inviò un messaggio alla pagina facebook della Reggia di Caserta durante un lavoro per conto di un cliente privato ricevendo una risposta in tempi lunghissimi. “Così io e i miei sociracconta uno dei fondatoriabbiamo incontrato il direttore Mauro Felicori parlando di questo progetto che poteva migliorare, e di molto, l’interazione tra la pagina social del museo, e i visitatori“.

Fonte: Ansa

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti