“BoraMata”: a Trieste arriva la festa della Bora

Print Friendly, PDF & Email

Girandole, mostre, spettacoli, installazioni e una vera e propria Galleria del vento sono le attrazioni che fanno parte della kermesse che dal primo al 4 giugno Trieste dedica alla Bora, l’elemento che, più di ogni altro, rende riconoscibile la città in Italia e all’estero.

“BoraMata” è il nome dell’iniziativa, giunta quest’anno alla III edizione, che per la prima volta si presenta in collaborazione con Mittelfest, il festival internazionale di musica, teatro e danza in programma a Cividale del Friuli (Udine), che nel 2017 conclude, proprio con l’Aria, la sua trilogia tematica sugli elementi.

Con il Festival di Cividale, che è una delle 12 “porte” attraverso le quali la Bora arriva a Trieste, BoraMata condividerà arredi urbani, mostre e installazioni dedicate al vento.

Tra gli eventi previsti per l’occasione nella città, si ricordano:

  • l’installazione di centinaia di girandole in piazza Unità, dopo la festa della Repubblica,
  • l’allestimento della mostra di fotografie di Andrea Lasorte sulla “Bora nella cronaca”,
  • la presentazione del nuovo libro dello scrittore Veit Heinichen e l’illustrazione della prima “Guida al Magazzino dei Venti”.

“BoraMata” – hanno spiegato gli ideatori, Rino Lombardi, del Museo della Bora, e Federico Prandi, partner organizzativo con la Prandicom – “punta a diventare un classico per i triestini e soprattutto per i turisti che amano la Bora. Anno dopo anno, qualcosa cambia, qualcosa resta, per celebrare la madre di tutti i refoli, in una stagione che non è proprio la sua, quando è più facile incontrare un borin che una bora vera”. 

Fonte: Ansa

Potrebbe interessarti anche:

Croazia: alla scoperta dell’antica arte della pesca tra Fasana e le Isole Brioni
Alla scoperta di Cardiff, in vista della finale di Champions League del 3 giugno
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti