A Roma, i Carabinieri arrestano altri clonatori di bancomat stranieri

Print Friendly, PDF & Email
La strumentazione elettronica usata dai clonatori sequestrata dai Carabinieri

A distanza di soli 7 giorni, a Roma, i Carabinieri arrestano altri clonatori di bancomat stranieri. 

Ieri, i Carabinieri della Stazione San Lorenzo in Lucina hanno arrestato due clonatori di bancomat nel corso di una mirata attività investigativa. Appena una settimana fa, c’era già stato l’arresto di due italiani per lo stesso motivo.

Erano cittadini bulgari, di 31 e 32 anni, disoccupati e senza fissa dimora, con precedenti. Avevano applicato alcuni dispositivi elettronici su di uno sportello bancomat in largo di Torre Argentina, per clonare i bancomat e le carte di credito degli ignari utenti.

I due clonatori avevano applicato uno skimmer sullo sportello bancomat. Veniva usato per catturare e archiviare i codici contenuti nella banda magnetica delle carte  e una telecamera per prendere il pin digitato sulla tastiera.

I Carabinieri hanno effettuato un servizio di osservazione a distanza. In questo modo sono riusciti a individuare i due stranieri quando si erano avvicinati per ritirare le apparecchiature utilizzate.

I militari hanno rinvenuto due carte di credito clonate e 2500 € in contanti che sono stati sequestrati. L’attrezzatura è stata sequestrata ed i due arrestati sono stati trattenuti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

 

Info: www.carabinieri.it

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Ecco i batteri che producono oro

Potrebbero essere chiamati “batteri filosofali”, quei microrganismi capaci di trasformare qualcosa privo di valore nientemeno che in oro. Si tratta dei batteri appartenenti alla famiglia ...
Vai alla barra degli strumenti