Croazia: alla scoperta dell’antica arte della pesca tra Fasana e le Isole Brioni

Print Friendly, PDF & Email

In estate la Croazia diventa un luogo dall’incredibile fascino dove è possibile riscoprire antichi ritmi e tradizioni, come quelle dei pescatori, specialmente nei villaggi della zona di Fasana.

Un tour dell’Istria ricco di fascino della durata anche solo di un weekend: partendo dal confine italiano, il viaggio dura poco più di un’ora e un quarto (Fazana dista 100 km dal confine di Rabujese nei pressi di Trieste). 

Il Bi-Village vsito dalla costa

Si arriva al Fazana Bi-Village, struttura sul mare, di proprietà italiana (Biasuzzi Turismo), immersa nel verde, location ideale per un romantico aperitivo sul molo o per una cena indimenticabile a pochi passi dal mare. 

Dal Porto di Fasana si salpa verso Brioni

 

L’itinerario continua il giorno successivo verso Brioni, un arcipelago di 14 isole immerso nel Mediterraneo, in cui è possibile vistare il Parco Nazionale di Brioni che custodisce circa 700 specie vegetali e 250 specie di uccelli. L’isola maggiore è Brioni Maggiore ed è visitabile anche grazie ad un trenino turistico che la percorre ad anello.

Academia Sardela – riparare le reti

Al rientro in porto, tappa successiva è l’Accademia dei Pescatori “Sardela” dove è possibile imparare a preparare da soli la rete per la pesca. Un’arte antica quanto difficile, che grazie all’aiuto degli insegnanti dell’Academy, possono apprendere anche i viaggiatori.

 “La nostra accademia – spiega Danica Tomasic dell’Accademia dei Pescatori Sardela – è nata una quindicina di anni fa. Insegniamo a fare i nodi per agganciare gli ami e fare il palangaro (o palamito), spieghiamo come si esce in barca e cosa si pesca a seconda del periodo, come si rema, come sistemare le sarde per conservarle sotto sale (si parla di scuola fasanese di salatura per il metodo tipico del territorio ), l’uso delle reti e, a fine giornata, anche come si riparano”. E così passeggiando in banchina è facile imbattersi in viaggiatori intenti a salare sarde, intrecciare reti, agganciare ami. Alla fine di questo percorso di studi molto particolare, che occupa una piccola parte della giornata, si riceve anche il diploma dell’Accademia“.  

La sardella è un pesce azzurro tipico di queste zone: si dice che le donne del posto conoscano almeno 100 modi di prepararle. Nei vari ristoranti e osterie non manca mai il piatto a base di sardelle servite salate, in saor, impanate, marinate, fritte, alla griglia e in tanti altri modi.

 

Informazioni

Dove dormire: Centro Vacanze Bi-Village – Fasana – (Istria). 

Dove mangiare: ristoranti al porto oppure nei piccoli baracchini sul mare, lungo la costa verso il Bi-Village. 

Come arrivare: dall’Italia si supera il confine a Trieste, si attraversa la Slovenia per poi arrivare in Croazia: circa 100 km dal confine su strade veloci.

 

 

Fonte: Biasuzzi Turismo

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti