In vacanza con Johnny Depp tra le location de ‘Pirati dei Caraibi’ …in Australia!

Print Friendly, PDF & Email

I fan più sfegatati fanno il conto alla rovescia, perché il prossimo 24 maggio getterà l’ancora nelle sale italiane con la sua ciurma lo sventurato e stravagante antieroe, Capitan Jack Sparrow per il quinto capitolo della saga I Pirati dei Caraibi.

“Pirati dei Caraibi: La Vendetta di Salazar”, è questo il titolo dell’ultima fatica targata Walt Disney Pictures e Jerry Bruckheimer Films, che vede sempre Johnny Depp, che negli ultimi tempi non se l’è certo passata a meraviglia, nei panni dello spavaldo Capitan Sparrow, affiancato da attori del calibro Javier Bardem e Geoffrey Rush, oltre che da nuovi personaggi e da volti già noti ai fan.

Una nuova e avvincente storia ambientata in alto mare, ricca di elementi fantasy, umorismo e azione, per una saga diventata in 13 anni un fenomeno internazionale.

In questa nuova avventura hollywoodiana, lo sventurato Capitan Jack Sparrow – personificato dall’altrettanto sventurato attore 54enne hollywoodiano alle prese negli ultimi con divorzi, fallimenti, bancarotta e fortune sperperate – vede peggiorare la propria sfortuna quando dei letali marinai fantasma fuggono dal Triangolo del Diavolo guidati dal terrificante Capitano Salazar e decisi a uccidere ogni pirata del mare… soprattutto Jack. La sua unica speranza di sopravvivenza risiede nel leggendario Tridente di Poseidone: per riuscire a trovarlo Jack dovrà formare una precaria alleanza con la brillante e affascinante astronoma Carina Smyth e con Henry, un giovane e risoluto marinaio della Royal Navy. Capitan Jack si metterà al timone della sua nave, un piccolo e malandato vascello, per sconfiggere la sorte avversa e scampare al nemico più forte e crudele che abbia mai affrontato.

E chi volesse affrontare, almeno idealmente, le stesse avventure, chi volesse percorrere gli stessi sentieri del cast stellare che ha lavorato a questa ultima fatica cinematografica, non può che seguire le tracce delle location fisiche scelte per girare questo quinto capitolo della saga.

Le location del film: all’arrembaggio! In avanscoperta!

Udite udite, chi stesse pensando di partire per i Caraibi sbaglia di grosso. Per girare questo nuovo capitolo della franchise di Pirati dei Caraibi, i produttori hanno deciso di viaggiare oltre i confini del mare, fino alla terra dei canguri: il film è stato girato infatti in Australia.

Il paradiso della Gold Coast nello stato del Queensland, sulla costa orientale australiana, è stata infatti la base operativa per le riprese.

Produttori, registi, tecnici e, naturalmente, il cast, hanno pirateggiato in terra australiana in diverse location sulla costa, tra cui:

Il Golfo di Moreton

Conosciuto anche come baia di Moreton, è sulla costa orientale nel Queensland, a 45 chilometri dalla città di Brisbane, una soleggiata capitale situata sull’omonimo fiume, abbracciata da parchi lussureggianti, locali, notturni, ristoranti, negozi ed iniziative culturali.

Il golfo è delimitato dall’Isola di Moreton, formata per il 95% dal Parco Nazionale, destinazione rinomata per i campeggi, pesca e whale watching (osservazione delle balene). Insieme all’isola di Fraser e l’isola di North Stradbroke è una delle più grande strutture sabbiose al mondo.

La riserva naturale di Lennox Head

Il punto di partenza è la piccola cittadina costiera di Lennox Head, vibrante e dall’atmosfera libera e selvaggia, meta di attrazione per surfisti di tutto il mondo, oltre che per le famose balene.
Uno scenario costiero spettacolare che include un lago per andare in Kayak e canoa e una lunghissima spiaggia lunga 7 miglia: Lennox Head Beach.

Lennox Head è famosa per la sua iconica Riserva, dove è possibile perdersi sulle onde cavalcate dai surfisti, e ammirabili dal promontorio Pat Morton Lookout.

E insieme ai surfisti non è raro scorgere in questa riserva marittima anche delfini. E, tra maggio e novembre, le meravigliose balene che migrano lungo la costa.

Hastings Point

In questo piccolo villaggio della Tweed Coast il cast dei Pirati è stato accolto da danze eseguite dal popolo aborigeno. Hastings Point è il più piccolo insediamento costiero di New South Wales Tweed Shire. Un vero e proprio gioiello circondato da un paco nazionale e da un borgo, situato proprio tra l’oceano e un estuario.

La location è famosa per la sua spiaggia, la pesca e le gite in barca e la sua costa offre scenari e panorami davvero magici. Estuari, come il Cudgera Creek, dove è possibile fare snorkeling e kayaking e anche qui è possibile ammirare le megattere dall’Osservatorio di Hastings Point. la sua spiaggia è completamente selvaggia, inesplorata e questo la rende ideale per chi volesse concedersi un vero tuffo nella natura più pura.

CURIOSITA’

A Hastings Point, al confine tra Queensland e New South Wales, le riprese hanno avuto inizio con delle bellissime danze di benvenuto eseguite per il cast e i filmmaker da alcuni membri del clan Goobjingburra del popolo aborigeno Bundjalung, che si prendono cura di queste terre da migliaia di anni.

Tamborine Mountain

Dalla Gold Coast Hinterland Walk, sempre nel Queensland si raggiunge Tamborine Mountain, un luogo meraviglioso dove visitare vigneti, lanciarsi in deltaplano dalla montagna o esplorare i negozi d’arte e antiquariato della Gallery Walk.

Il vicino Parco nazionale di Mount Tamborine poi è ideale per fare un picnic, avvistare gli ornitorinchi e raggiungere a piedi le Curtis Falls attraversando una macchia di palme australiane. Un posto meraviglioso e lussureggiante, lontano dal caldo della costa, con numerosi parchi e cascate. E poi musei, ristoranti, vinerie.

CURIOSITA’

Mentre giravano alcune scene nella fitta giungla di Tamborine Mountain, i membri del team di Pirati dei Caraibi: La Vendetta di Salazar hanno dovuto indossare degli elmetti per proteggere le loro teste da alcuni fagioli neri incredibilmente pesanti che cadevano dagli antichi alberi

Le Isole Whitsunday e Whitehaven Beach

Entriamo qui in un vero tesoro naturalistico ‘protetto’ perché le Whitsunday sono un gruppo di 74 isole ai confini con la Grande Barriera Corallina, Patrimonio dell’umanità, e le acque protette del Mar dei Coralli. Con spiagge appartate di sabbia candida circondate da palme e lambite da acque di un azzurro cristallino, le Isole Whitsunday sono la perfetta sintesi del un paradiso tropicale per antonomasia. Quale location migliore per la saga! L’arcipelago si è formato milioni di anni fa e venne così chiamato dal Capitano Cook, che navigò nel passaggio delle Whitsunday la domenica di Pentecoste (in inglese, Whitsunday) del 1770.

Le tropicali Whitsunday rappresentano un parco giochi per megattere e balene pilota che ogni anno, tra maggio e settembre, giungono in queste isole per partorire i piccoli. Durante l’alta stagione (da giugno ad agosto) quasi ogni giorno si possono fare avvistamenti, su qualunque isola vi troviate.

In questo arcipelago sicuramente sarà rimasta nel cuore del cast piratesco Whitehaven Beach, la spiaggia da sogno in cui chiunque vorrebbe perdersi: un mare limpido, una natura selvaggia e inesplorata dove l’uomo ha lasciato che la natura facesse il suo corso. Una spiaggia di sabbia bianca e fine lunga 7 km, che si può raggiungere solo in barca ed è immersa in un parco naturale. Nessun servizio accessorio sul lungomare, nessuna comodità. Cosa che contribuisce non poco a fare di questa spiaggia un vero paradiso in terra.

CURISITA’

Quando il team produttivo di Pirati dei Caraibi: La Vendetta di Salazar ha girato presso Whitehaven Beach nelle Whitsunday Islands, le inusuali condizioni della marea hanno costretto gli attori e la crew a sbarcare sulla spiaggia come se si trattasse di un’invasione militare, immergendosi nell’acqua fino alla vita, il petto o il collo, a seconda dell’altezza. Un modo alquanto bizzarro per recarsi a lavoro!

Il Trailer del film

TgTourism ringrazia The Walt Disney Company Italia per la gentile concessione delle immagini e dei video.

InfoPoint: Visit NewSouthWales, Visit Australia

POTREBBE INTERESSARTI:

Pirati dei Caraibi ‘La vendetta di Salazar’. La parola al cast

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Roma

Roma in 2 days

Il 21 aprile del 753 a.C. è considerata tradizionalmente la data della nascita di Roma che, nell’arco di pochi secoli, da piccolo insediamento urbano circoscritto ...
Vai alla barra degli strumenti