Trenitalia, la lista nera dei treni sotto scorta

Print Friendly, PDF & Email

A Firenze la black list dei treni che più di altri subiscono furti e vandalismi viene aggiornata di continuo. Le linee considerate più a rischio sono 15 e cambiano in base alla frequenza dei furti, dei vandalismi e delle aggressioni che vi si verificano a bordo.

Gli episodi coinvolgono la Toscana ma pure il Piemonte, l’Emilia-Romagna, la Campania e il Lazio. Sotto il mirino sono soprattutto i treni che partono all’alba o che viaggiano lungo le litoranee nel periodo estivo.

Su queste tratte non è difficile assistere a passeggeri sprovvisti di biglietto che si scagliano contro i controllori, a furti negli scompartimenti o a più generali atti di vandalismo. 

Nella lista del 2015, le tratte sotto la lente di ingrandimento sono state la Torino-Ventimiglia delle 6.25, la Firenze-Viareggio delle 7.53, la Roma-Napoli delle 6.22. Da allora, le Ferrovie dello Stato e Polfer si incontrano con frequenza per definire lo stato dell’arte. La lista del 2016 è pronta ma ancora sottoposta a segretezza: il Ministero non intende diffonderla al fine di evitare allarmismi ed eventuali polemiche.

Quello che è sotto agli occhi di tutti è che i treni più pericolosi sono costantemente sorvegliati dagli agenti che vi salgono in divisa o in borghese. Intervengono per sostenere i capotreni qualora fosse necessario. Lo scorso anno sono state 43.945 le scorte che hanno supervisionato 96.270 treni.

“Le scorte sono composte da almeno due agenti” -ha spegato la vicequestora della Polizia ferroviaria, Barbara Caccia- “ma possono essere anche di più”. Negli ultimi due mesi questo sistema di sorveglianza è servito e a confermarlo sono i numeri positivi: i reati a bordo dei treni sono calati del 24% lo scorso anno, le aggressioni ai capotreni sono diminuite del 5% rispetto al 2015. 

E’ la Polfer, inoltre, ad aver firmato qualche settimana fa un accordo con Ntv, la compagnia che gestisce i treni dell’Alta Velocità Italo. Anche su quelli vedremo presto gli agenti di sorveglianza.

Potrebbe interessarti: 

Aeroporti: il Leonardo Da Vinci è al primo posto in Europa per qualità dei servizi
Aereo Alitalia Caso Alitalia, cosa succede ai passeggeri
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti