L’arte visionaria di Molina alla Reggia di Caserta

Print Friendly, PDF & Email
Molina

José Molina alla Reggia di Caserta nella personale dell’artista dal titolo “Paesaggio dopo la battaglia”.

Esposizione che riunisce un corpus di oltre 30 opere, tra dipinti, disegni e sculture e un nucleo di lavori inediti. 

L’artista madrileno di 52 anni è da sempre attento alla ricerca psicologica e antropologica, sondando l’inconscio e analizzando i peccati e le virtù del genere umano.

I suoi lavori sono popolati da uomini, demoni, animali, personaggi mitici ed eroi, e svelano ciò che si tende a mostrare e ciò che si è spinti a nascondere. 

Riconducendosi sempre ai vizi capitali, come l’Ira, rappresentata con il volto aggrottato e due braccia alzate a pugni chiusi, e la Lussuria disegnata con numerose lingue che lambiscono il corpo di una donna sdoppiata e coperta da veli leggeri. 

“La presenza di Molina” – afferma il direttore della Reggia, Mauro Felicori – “non fa che rinnovare la relazione originaria della Reggia di Caserta con la terra di origine dell’artista, a partire dal suo committente, Carlo di Borbone, notoriamente prima sovrano del Regno delle Due Sicilie e poi di Spagna”.

Patrocinata dall’Ambasciata di Spagna in Italia e dall’Istituto Cervantes di Napoli, l’esposizione sarà visitabile da domani al 3 giugno, nelle retrostanze settecentesche lungo il percorso degli Appartamenti Storici.      

Credits: curata da Lorenzo Canova e organizzato dalla Deodato Arte di Milano.

Informazioni:

“Paesaggio dopo la battaglia”
Caserta, Reggia di Caserta – Retrostanze del ‘700

Dal 03 Maggio 2017 al 03 Giugno 2017
Orari Appartamenti storici: tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.30 
Tel:+39 0823 277468 /  e-mail: caserta@operalaboratori.com

Fonte: Ansa

Potrebbe interessarti: 

Dalla Terra dei Fuochi alla Terra dei Fiori: la mostra di Sasha Vinci e Maria Grazia Galesi alla Reggia di Caserta
La Reggia di Caserta avrà un suo amaro con le erbe del giardino inglese
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti