I “muretti a secco” candidati al Patrimonio Unesco

Print Friendly, PDF & Email

La tecnica dei muretti a secco sarà candidata al Patrimonio Immateriale dell’Umanità tutelato dall’Unesco.

Obiettivo: evitare che un’arte antica –trasmessa per lo più oralmente– possa finire nel dimenticatoio morendo con i suoi custodi. Il valore di questa tecnica è immenso, perchè ha permesso agli uomini di coltivare il terreno, di allevare gli animali, di vivere senza dover scappare.

I muretti costruiti manualmente con i sassi sono presenti praticamente in tutto il mondo: Cipro, Grecia, Italia, Francia, Svizzera, Spagna. Sono questi i paesi che hanno desiderato fortemente la candidatura della tecnica.

Per quanto riguarda il nostro paese, ecco un po’ di numeri: 170 mila sono i chilometri di muretti a secco ufficialmente censiti, anche se quelli stimati sono praticamente il doppio. Per capire la portata straordinaria di questa manodopera nostrana, basta pensare che la Grande Muraglia Cinese è lunga “appena” 8mila chilomteri. 

La Commissione Unesco visiterà i muretti a secco italiani per tutto l’anno, la decisione di annoverarli tra i beni essenziali per la civiltà è fissata per il 2019.

“E’ un passaggio decisivo che può garantire le risorse pubbliche per conservare l’eroica spina dorsale che unisce i popoli con una storia di miseria e fatica” ha spiegato a La Repubblica Mauro Varotto, professore dell’Università di Padova e membro dell’Alleanza Internazionale per i paesaggi terrazzati.

Nel frattempo, l’appuntamento è fissato per il 24 giugno, quando si terrà il Festival Mondiale in cui 7 squadre si sfideranno nell’opera.

Potrebbe interessarti: 

 

Salento, mare e cultura al sole della Puglia
Vacanze in Grecia: Cefalonia
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti