Parigi, capitale della cultura. Ecco i restauri e i lavori in corso.

Print Friendly, PDF & Email

L‘exceptionelle culturelle è il vanto della Francia.

In questo paese esiste un vero e proprio culto per il progetto culturale. Fu Andrè Malraux, ministro di De Gaulle, a fondare il Ministero della Cultura nel ’59.

Non c’è da stupirsi quindi se la Città delle Luci è un cantiere a cielo aperto, un susseguirsi continuo di nuove aperture, restauri e lavori in corso.
Nonostante la crisi, Parigi si risveglia grazie alla musica e allo spettacolo, agli archistar, ai teatri storici che riaprono al pubblico e alla sinergia tra pubblico e privato.

Dal prossimo autunno riaprirà il Theatre de Chaillot, dopo un significativo intervento di ristrutturazione. 

Stesso discorso per la Seine Musical, sull’isola della Senna. I lavori sono iniziati e tre anni fa e si sono conclusi lo scorso 22 aprile, quando è stata riaperta in occasione dell’evento di inaugurazione. Per la prima stagione artistica si dovrà attendere l’autunno, quando l’Auditorium diventerà una vera e propria città d’arte, un punto d’incontro per tutti i francesi e i visitatori dal mondo.

Un progetto costato 170 milioni di euro, risultato di una partnership che ha coinvolto soggetti pubblici (Stato, il dipartimento Haut-de-Siene) e attori privati (la società STS Evenements e la rete televisiva TF1). 

“All’inizio il nostro modello era il Parco della Musica di Roma, l’Auditorium di Renzo Piano. Volevamo un luogo che fossè un’agorà, con una precisa funzione sociale e una programmazione che alternasse musiche colte a popolari” ha spiegato Stephan Kutniak, responsabile della cultura del Dipartimento.

Potrebbe interessarti: 

I “Tesori recuperati” in mostra all’Unesco di Parigi
A. Rodin, Il bacio (Museo Rodin di Parigi) Parigi, il centenario della morte di Rodin celebrato in una mostra al Grand Palais

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti