“Pintoricchio. Pittore dei Borgia”, la rassegna dei Musei Capitolini svela il mistero di Giulia Farnese

Print Friendly

E’una rassegna affascinante quella ospitata ai Musei Capitolini, dal titolo “Pintoricchio. Pittore dei Borgia”.

Il controverso e tanto dibattuto papa Alessando VI, una dama misteriosa e bellissima, Bernardino di Betto -uno dei pittori più importanti del Rinascimento- sono i protagonisti della rassegna che resterà aperta fino al 10 settembre 2017.

Cesare Borgia

Roma, durante il pontificato di Alessandro VI, si verificarono intrecci dinastici di ogni genere, veleni di palazzo, calunnie e gelosie. Ciò nonostante, il periodo produsse un patrimonio artistico notevole, rappresentato in gran parte dal Pintoricchio, autore di uno dei cicli pittorici più significativi della storia dell’arte: l’appartamento papale in Vaticano.

Il cosiddetto “Appartamento Borgia” fu un’opera all’avanguardia per la rivoluzionaria tecnica con la quale il Pintoricchio interpretò il messaggio ideologico di papa Alessandro VI. Lo storico dell’arte del tempo -Giorgio Vasari- manifestò il suo interesse soprattutto per la scena che ritraeva il Papa in ginocchio davanti ad una Madonna col bambino, che all’epoca fu ritenuta la concubina del Pontefice, la giovane e bellissima Giulia Farnese. 

La maldicenza -diffusasi soprattutto a causa della riprovevole reputazione di Alessandro VI- è “quella che oggi si definirebbe una fake news” ha spiegato Francesco Buranelli in occasione della conferenza stampa di presentazione. “Anni di studi e di approfondimenti hanno permesso di arrivare alla conclusione per cui la Madonna con il Bambino non è assolutamente Giulia Farnese” ha aggiunto Buranelli.

4 i curatori della mostra: Cristina Acidini, Francesco Buranelli, Claudia La Malfa, Claudio Strinati. 33 le opere rinascimentali esposte: ritratti della famiglia Borgia e raffinati dipinti di Bernardino di Betto, dalla Crocefissione della Galleria Borghese alle Madonne della Pace di San Severino Marche. Ad essere esposte negli spazi dei Musei Capitolini anche 7 opere scultoree di epoca romana, a riprova di quanto il Pintoretto avesse attinto all’antichità per promuovere la rinascita artistica e culturale di Roma.

La rassegna è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale-Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali con il patrocinio della Pontificia Commissione per i beni culturali della Chiesa. 

Pintoricchio. Pittore dei Borgia

Il mistero svelato di Giulia Farnese

 

Musei Capitolini, Palazzo Caffarelli, Piazza del Campidoglio – Roma

 

19 maggio – 10 settembre 2017

 

18 maggio 2017 ore 11.00

 

18 maggio 2017 ore 18.00

 

Tutti i giorni 9.30 – 19.30 (la biglietteria chiude un’ora prima)

 

€ 15 biglietto intero integrato Mostra + Museo (comprensivo della tassa del turismo per i non residenti a Roma);

€ 13 biglietto ridotto integrato Mostra + Museo, per i non residenti a Roma (comprensivo della tassa del turismo per i non residenti a Roma)

Gratuito per le categorie previste dalla tariffazione vigente

Print Friendly

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti