Turismo: si esaurisce il tax credit e 1500 hotel vengono tagliati fuori

Print Friendly, PDF & Email

Nelle prime settimane di maggio, in  11 secondi si è esaurito il tax credit riqualificazione, tagliando così fuori oltre 1.500 hotel.

Di conseguenza, 40 milioni di investimenti effettuati non hanno avuto alcun beneficio da questo sistema di allocazione del bonus.

E’ quanto ha affermato il presidente di Assoturismo-Confesercenti, Claudio Albonetti, commentando i risultati dei nuovi Tax Credit 2017 voluti dal Mibact ed introdotti con il decreto Art Bonus per favorire gli investimenti per l’ammodernamento e l’innovazione del settore.

“E’ indispensabile – ha aggiunto Albonetti – ripensare a questa misura di sostegno per le imprese ricettive alberghiere per fare in modo che, già da quest’anno, il tax credit sia concesso a tutti coloro che ne fanno domanda, come avviene per l’edilizia residenziale”.

Quanto all’intento del tax credit di incentivare la digitalizzazione per la realizzazione di servizi on line, finalizzati alla promozione e la commercializzazione dell’offerta turistica di imprese ricettive, agenzie di viaggi e tour operator, Albonetti ha sottolineato “l’auspicio che questa agevolazione possa contribuire non solo a sviluppare il commercio turistico on line, già in prepotente crescita, ma anche e soprattutto a stimolare una più attenta disciplina per evitare l’abusivismo dilagante”.

COSA E’ IL TAX CREDIT

E’ un credito d’imposta pari al 30%
Si può richiedere per costi sostenuti per:

  • Ristrutturazione edilizia o abbattimento di barriere architettoniche.
    Chi può richiederlo?
    Le strutture ricettive
  • Sviluppo e investimento di digitalizzazione delle imprese.
    Chi può richiederlo? Strutture ricettive, Agenzie di viaggi, Tour operator.  

Fonte: Ufficio Stampa Assoturismo – Federazione Italiana del Turismo

Potrebbe interessarti:

G7 Taormina, le misure di sicurezza e le ricadute sul turismo
Turismo, 58,5 milioni per i nuovi tax credit riqualificazione e digitalizzazione 2017
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti