Uber, revocato il blocco dell’app che fa concorrenza ai tassisti

Print Friendly, PDF & Email

Roma, il tribunale ha revocato l’ordinanza con cui, il 7 aprile, era stata sospesa l’applicazione Uber Black, mentre altri servizi accessori come Uber Pop – sistema che permette a chiunque di registrarsi come autista con Uber e usare un veicolo privato per trasportare clienti del servizio – restano fermi.

La causa del cambio di orientamento, che ha sollevato cori di proteste dai tassisti – ad aprile le obiezioni della categoria sono culminate in uno sciopero che ha messo in crisi l’Italia intera – ruota attorno al decreto milleproroghe, che ha sospeso fino al 31 dicembre 2017 l’efficacia delle norme che avrebbero dovuto regolamentare il settore.

Se l’azienda si dichiara soddisfatta e pronta a portare avanti l’impegno nei confronti dei clienti, inneggiando ai valori della libera concorrenza, i tassisti attaccano duramente le istituzioni. Come dichiarato da Federico Rolando – portavoce nazionale di Federtaxi – e Alessandro Genovese – segretario di Ugl – a Repubblica: “La politica e i veri poter forti hanno avuto la meglio, un servizio completamente abusivo come Uber Black potrà continuare a lavorare in Italia, non abbiamo parole per descrivere il nostro sconcerto.”

Potrebbe interessarti:

Protesta dei taxi, le ragioni e le conclusioni dopo l’incontro con il Mit
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti