Islanda, la guida per un viaggio al top

Print Friendly, PDF & Email

Ogni viaggio lo vivi tre volte: quando lo sogni, quando lo vivi e quando lo ricordi

L‘Islanda, la terra dei ghiacciai e del fuoco, è un luogo meraviglioso. Ad affascinare chi la visita sono la natura incontaminata, i panorami mozzafiato, il sole della mezzanotte ma anche le spiagge, l’aurora boreale, i ghiacciai e i vulcani.

E’per eccellenza la terra delle manifestazioni geologiche, ovunque l’occhio si posi non può che rimanere sorpreso dai cambiamenti termici e dall’evoluzione della terra. Il nome “Islanda” del resto, evoca le temperature fredde e il clima rigidamente artico. Eppure l’estate può essere davvero piacevole perchè le temperature non superano i 25 gradi.

E’ negli ultimi anni che l’interesse per l’Islanda è cresciuto significativamente, complici l’inaugurazione di nuove tratte low-cost, pubblicità, set cinematografici e deprezzamento della moneta. Così il paese è divenuto meta di tendenza degli ultimi anni, a tal punto che il Governo aveva anche pensato ad una eventuale limitazione dei flussi turistici.

Qualche curiosità:
Il popolo islandese crede negli Elfi e negli Gnomi in senso mitologico. 
Gli inslandesi non hanno dei veri e propri cognomi, è loro usanza chiamarsi “figlio/a di…”.
Una buona notizia: dimenticate le zanzare, in Islanda non esistono.
L‘Islanda è un paese (quasi) completamente sostenibile, il fabbisogno di energia è coperto dalle energie naturali e rinnovabili.
Il paese è sprovvisto di un esercito, non esistono forze armate o guardie costiere.

Per chi intendesse fare un viaggio in Islanda, è fondamentale un’efficace programmazione dell’itinerario di viaggio. 

Una guida completa quella di Nicolò Cesa che va dagli approfondimenti sulle località ai consigli di viaggio più pratici: il clima, come arrivare, i numeri d’emergenza, i servizi medici e i siti utili.

La guida della Morellini Editore propone anche la sua top ten delle attività da fare in Islanda per la prima volta, tra cui:

  • Visitare Reykjavik e Akureyri, le due metropoli più vivaci. Dj set, concerti, serate jazz, insomma c’è davvero l’imbarazzo della scelta.

  • Vedere i Fiordi dell’Ovest. Solo un turista su otto pensa a passare di qui, eppure lo spettacolo offerto dalla natura è davvero imperdibile: piscine termali, spiagge mozzafiato, flora e fauna incomparabili.

  • Fare trekking. Si possono seguire itinerari molto brevi come pure quelli da più giorni. I percorsi più gettonati sono quelli di Laugavegurinn, Fimmvörðuháls, quelli nella Hornstrandir e nell’area di Borgarfjörður Eystri. 

  • Vedere l’aurora boreale. Non tutti i turisti ci riescono ma se siete fortunati e seguite i consigli degli esperti locali potrete ammirare questo spettacolo del cielo.

  • Visitare il Parco Nazionale del Vatnajökull.  E’ uno dei più grandi parchi naturali d’Europa e occupa il 14% dell’intero territorio islandese. E’ qui che potrete scoprire la calotta glaciale più grande del mondo e i vulcani attivi nella zona come il Grimsvötn e il Bárðarbunga. 

Nicolò Cesa, Islanda, Milano, Morellini Editore, 2017, pp. 318.

Potrebbe interessarti: 

Iceberg Islanda Islanda, la terra del ghiaccio
L’aurora boreale, gli iceberg e le acque calde: l’Islanda più vicina che mai con Gattinoni Mondo di Vacanze
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti