Enoturismo, presentato a Lecce il disegno di legge di Stefàno

Print Friendly, PDF & Email

È stato presentato questa settimana a Lecce il ddl “Disciplina dell’attività dell’enoturismo” dal senatore Dario Stefàno, capogruppo in Commissione Agricoltura del Senato, e dal viceministro alle Politiche agricole Andrea Olivero nel corso di una conferenza stampa.

Il ddl, di cui è primo firmatario lo stesso Stefàno, punta a riconoscere come attività legittima quella dell’enoturismo. Al suo interno spazio anche all’olio extravergine, altra potenzialità del Belpaese

L’enoturismo finalmente assurge ad attività turistica legittima e riconosciuta nelle sue diverse e molteplici sfaccettature ha dichiarato il senatoreÈ un asset strategico che va sostenuto”.

Con il termine “’enoturismo’’ si intendono tutte le attività che promuovono la conoscenza del vino: visite nei luoghi di coltura, di produzione o di esposizione degli strumenti utili alla coltivazione della vite; degustazione e commercializzazione delle produzioni, anche in abbinamento ad alimenti, iniziative a carattere didattico e ricreativo nelle cantine.

«L’enoturismo è una grande opportunità, soprattutto per questo territorio, perché riesce a coniugare la bellezza dei luoghi con la grande capacità di produrre qualità ed eccellenze nel settore vitivinicolo – ha detto il viceministro Olivero –  Il disegno di legge sul turismo del vino è una norma urgente, che può sostenere l’enorme sforzo fatto dai produttori in questi decenni e che ora deve essere portato a vantaggio delle stesse aziende ma anche del territorio».

All’incontro con la stampa hanno partecipato anche produttori, associazioni di categoria ed esponenti del mondo del vino e del turismo. Sono intervenuti Massimiliano Apollonio, presidente di Assoenologi Puglia, Basilicata e Calabria e Gianvito Rizzo per il Movimento del Turismo del Vino.

Ulteriore caposaldo del testo è la volontà di strutturare e legare questa attività al turismo. “Il programma del turismo 2017-2022 parla esplicitamente di “attrattori enogastronomici – ha spiegato Stefànoe il ddl attraverso la creazione di un Osservatorio nazionale dell’enoturismo presso il Mipaaf e d’intesa con il Mibact, centra appieno questo indirizzo”.

L‘iniziativa è stata promossa da La Puglia in Più, movimento che fa capo a Stefàno, in collaborazione con il Gruppo Misto del Senato della Repubblica, Assoenologi Puglia Basilicata e Calabria e Movimento Turismo del Vino.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti