Pistoia. Marino Marini nelle immagini di Aurelio Amendola a Palazzo del Tau dal 14 luglio

Print Friendly, PDF & Email

Ad anticipare la grande mostra “Marino Marini. Passioni visive”, a Palazzo Fabroni dal 16 settembre, l’esposizione allestita in Palazzo del Tau dal 14 luglio al 10 settembre che propone una selezione di immagini dell’artista realizzate dal vari fotografi di fama mondiale tra cui Aurelio Amendola.

La vita di Marino è documentata da oltre 2000 immagini: la maggior parte delle foto è stata scattata dalla moglie dello scultore, Marina, che ha saputo catturare momenti della vita quotidiana e dell’attività professionale di Marino insieme a istantanee dei molti viaggi che la coppia ha vissuto insieme.

Le altre immagini, comprendenti anche un nucleo di foto storiche della famiglia Marini, sono state scattate da moltissimi fotografi diversi fra i quali spiccano alcuni nomi che hanno fatto la storia della fotografia del secondo Novecento. Fra i tanti, Herbert List, Ugo Mulas, Irving Penn e Aurelio Amendola.  Ad essere esposte in mostra sono soprattutto scatti dove Marini è al lavoro ma non mancano altri dedicati alla sua quotidianità, come di lui in visita a Pistoia insieme alla sorella gemella Egle e a Marina.

L‘esposizione di Palazzo del Tau propone è in realtà una doppia mostra: da un lato una documentazione dedicata al lavoro e alla quotidianità di Marino Marini, dall’altro, una retrospettiva di una grande pagina di fotografia, testimonianza dell’arte di un fotografo, Amendola, che come pochi ha saputo raccontare l’arte, e la scultura in particolare.

Nel corso della sua lunga carriera di fotografo Aurelio Amendola si è dedicato principalmente all’arte contemporanea, immortalando i grandi del Novecento: Marino Marini, Burri, Manzù, Fabbri, Ceroli, Vangi, Kounellis De Chirico, Lichtenstein, Pomodoro, Schifano, Warhol, per ricordarne solo alcuni.

 

Informazioni

MARINO NELL’IMMAGINE DI AURELIO AMENDOLA

Pistoia, Palazzo del Tau

14 Luglio 2017 – 10 Settembre 2017

Orari mostra:

dal martedì al sabato dalle 10 alle 18; la domenica dalle 14:30 alle 19:30

Ingresso gratuito

Info: www.fondazionemarinomarini.it

Fonte: studioesseci.net

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Procida: l’isola dei pirati

  I miei occhi e i miei pensieri lasciavano il cielo con dispetto, riandando a posarsi sul mare, il quale, appena io lo riguardavo, palpitava ...
Vai alla barra degli strumenti