A Roma un’estate in musica con il “Just Music Festival”

Print Friendly, PDF & Email

 

“…music is the primary essence of human respect.”

Dal 20 giugno al 9 luglio 2017 torna il “Just Music Festival”, grande evento di musica e cultura contemporanea pronto ad animare la capitale.

Otto giorni di dj set, concerti, performance con i più importanti artisti a livello mondiale, distribuiti in tre diverse location: l’Ex Dogana, il Museo MAXXI e lo Spazio Novecento.

Si va dall’avanguardia di Nicholas Jaar, artista newyorkese ma di origine cilena, famoso in tutto il mondo per la sua elettronica in bilico tra suggestioni techno, r’n’b, jazz e world, fino al nuovo soul-blues ibrido del britannico Rag’n’Bone Man, cantautore cresciuto nell’underground inglese, arrivato quest’anno al successo planetario grazie alla famosissima hit Human. 

E ancora dal poliedrico e carismatico Paul Kalkbrenner, padre indiscusso di quel suono e quell’estetica che portano la firma Berlino-anni-2000, all’intramontabile Fatboyslim, artista dal talento inarrivabile nel mischiare generi e registri, che con le sue produzioni ha segnato una pagina intera di storia dell’elettronica e del pop.

Fino ad alcune stelle indiscusse del DJing mondiale: l’inglese Carl Cox, tra i più influenti artisti house e techno in assoluto, il canadese Richie Hawtin, custode incontrastato della techno minimale di prima generazione e artista che da sempre riesce a spostare il confine tra DJ set e performance live, o il bosniaco, ma tedesco d’adozione, Solomun, che del nuovo suono dance minimale è forse l’erede più contemporaneo.

Da non perdere anche i set visionari di Damian Lazarus, l’eclettismo di Butch o gli ipnotici UK grooves di Daddy G, storico membro fondatore dei Massive Attack. 

Sempre in consolle, la presenzia di due personaggi che hanno fatto la storia della dance nostrana: DJ Ralf e Cirillo. Oltre ad alcune “promesse” che sembrano già ampiamente mantenute, come i britannici Jackmaster e Jasper James o gli italianissimi Howl Ensamble.

La grande novità di quest’anno è però il “Roots In The City”, un’intera giornata dedicata a una delle culture musicali contemporanee più importanti e influenti al mondo.

Un festival nel festival, un nuovo format dedicato ai suoni reggae, dub e dancehall.

Il 2 luglio, in un’unica lunga maratona musicale, si esibiranno sullo stesso palco alcuni dei più importanti interpreti legati alla tradizione “roots” e alla musica popolare giamaicana: Sizzla, i Lee “Scratch” Perry e Mad Professor, i Promise No Promises, e l’astro nascente australiano Nattali Rize.

Quello del “Just Music Festival” è un evento pensato non più per un pubblico di nicchia, ma misto, trasversale e multietnico.

Fatto da appassionati di elettronica e pop, devoti del roots reggae, fan della techno, amanti dell’house music, adepti del nuovo movimento dancehall e fedeli dell’hip hop. Tutti insieme sotto uno stesso tetto, non più divisi da barriere di genere e contesto, che in definitiva sono anche barriere culturali e sociali.

Il programma completo al sito: www.justmusicfestival.it

Credits: organizzato da DNF Booking Crew

Informazioni:

“Just Music Festival”

Location: Ex Dogana – Via dello Scalo S. Lorenzo 10, Roma

Museo MAXXI – Via Guido Reni 4/a, Roma

Spazio Novecento – Piazza Guglielmo Marconi 26/b, Roma

20 Giugno – 9 Luglio, 2017

Biglietti acquistabili al sito:  www.ticketone.it

Fonte: Ufficio Stampa JMF 2017

Potrebbe interessarti anche:

Eccellenze Rock: il villaggio per lo shopping dell’evento Firenze Rocks
IL 17, 18 e 19 giugno arriva il “Roma Cocktail Week”
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti