Un nuovo museo apre a Jesi: il Museo Federico II Stupor Mundi

Print Friendly, PDF & Email
Invito inaugurazione Jesi Stupor Mundi 2017

Sarà inaugurato a Jesi un nuovo Museo: il Museo Federico II Stupor Mundi. Vieni a rivivere la storia che ha cambiato la Storia.

Sabato 1° luglio 2017, nel Palazzo Ghislieri a Jesi, sarà inaugurato il Museo Federico II Stupor Mundi, primo grande museo a lui dedicato. Il museo riprende l’appellativo con cui veniva chiamato l’imperatore dai suoi contemporanei per affermare la sua inesauribile curiosità intellettuale. 

A cura di Anna Laura Trombetti Budriesi, docente di Storia medievale all’Università degli Studi di Bologna, coadiuvata da Laura Pasquini e Tommaso Duranti, ricercatori presso il Dipartimento di Storia Culture Civiltà dello stesso ateneo. 

Il Federico II Stupor Mundi sorge nella la stessa piazza dove il 26 dicembre 1194 Costanza d’Altavilla, sotto una tenda in mezzo al popolo, diede alla luce Federico II Hohenstaufen, futuro Re di Germania e di Sicilia e Imperatore del Sacro Romano Impero. Fondò la Scuola Poetica Siciliana, alla base della nascita della letteratura italiana. 

Il museo presenta sedici sale tematiche, disposte su tre piani. Attraverso accurate ricostruzioni scenografiche e tridimensionali, installazioni multimediali e l’utilizzo di tecnologie di ultima generazione, come il video mapping e supporti touch-screen, costituiranno un viaggio immersivo e multisensoriale alla scoperta di Federico II di Svevia. 

Il progetto nasce dalla volontà di Gennaro Pieralisi, presidente della Fondazione Federico II Stupor Mundi. La sua intenzione era quella di dedicare al grande Imperatore un luogo che potesse ripercorrerne la vita. 

È stato realizzato con fondi privati e il contributo di Fondazione Marche in collaborazione con il Comune di Jesi, la Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, la Fondazione Federico II Hohenstaufen, la Fondazione Pergolesi Spontini e la Regione Marche.

 

Credits:

Museo Federico II Stupor Mundi
Palazzo Ghislieri
Piazza Federico II 3, Regia Città di Jesi – Ancona

L’iniziativa è stata curata Anna Laura Trombetti Budriesi, docente di Storia medievale all’Università degli Studi di Bologna, coadiuvata da Laura Pasquini e Tommaso Duranti, ricercatori presso il Dipartimento di Storia Culture Civiltà dello stesso ateneo. Con il contributo di Fondazione Marche in collaborazione con il Comune di Jesi, la Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, la Fondazione Federico II Hohenstaufen, la Fondazione Pergolesi Spontini e la Regione Marche.

L’allestimento museografico è stato realizzato dalla società Volume S.r.L di Milano, società leader nel campo degli allestimenti museali e dei servizi per lo spettacolo, capofila per questo progetto di un team di aziende quali Euphon, Studio’80, Castagna-Ravelli e Sydonia Production.

Estivo: dal 15/6 al 15/9
Dal lunedì alla domenica: 10-13 e 15 -19
Invernale: dal 16/9 al 14/6
Dal giovedì al sabato: 15 – 19
Domenica: 10-13 e 15-19
 

6 euro (previste riduzioni e ingressi gratuiti)

Info

 ufficiostampa@fpsjesi.com
 +39.328.9225986  +39.393.957069
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti