Salento on the road

Print Friendly, PDF & Email

Campagna, mare, masserie, borghi storici, costiere mozzafiato, tradizioni culinarie e ristoranti sul mare: il Salento è tutto questo e non solo. 

Si tratta di una regione geografica italiana che coincide con la zona meridionale della Puglia, tra il Mar Ionio e quello Adriatico. “Lu Salento” copre l’intera provincia leccese, quasi tutta quella di Brindisi e parte di quella di Taranto.

Il tacco dello stivale italiano è noto nel paese e nel mondo per le numerose attrazioni naturali, paesaggistiche, architettoniche, artistiche e archeologiche. Si sconsiglia di visitare la zona ad agosto, dato che l’afflusso turistico è veramente significativo.

Il modo migliore per conoscere questa regione e per ammirarla in tutta libertà è in macchina. Per un indimenticabile road-trip, ecco qualche dritta su un possibile itinerario di viaggio.

Ponendo che partiate dal Nord, scendendo lungo la penisola la vostra prima tappa dovrebbe essere Polignano a Mare, subito dopo Bari. La perla dell’Adriatico ha conosciuto negli ultimi anni un balzo in avanti dei visitatori, complice la pubblicità e i numerosi set cinematografici. E’ proprio a Polignano a Mare che il regista Marco Ponti ha ambientato le scene di “Io che amo solo te”, con Riccardo Scamarcio e Laura Chiatti. 

Il centro storico della cittadina sorge su uno sperone roccioso a picco sul mare Adriatico. Il ponte della Via Traiana vi lascerà senza parole. La cittadina è meta ideale per gli appassionati di sub, data la massiccia presenza di grotte marine.

A Polignano a Mare si trova uno dei ristoranti più suggestivi e chic del mondo: Hotel Grotta Palazzese. Incastonato dentro alla costa, vi permetterà di gustare pietanze prelibate senza rinunciare alla tradizione.

Per un soggiorno rilassante nel cuore del centro storico, una struttura consigliabile è “B&B Gina Chic”, proprio a picco sul ponte di Via Traiana. Per ciascuna camera è previsto l’accesso su una terrazza dove la vista è spettacolare.

Proseguendo verso Sud, vi fermerete a Ostuni. La cittadina è soprannominata “la città bianca”, perchè il centro storico era un tempo completamente dipinto di calce bianca, oggi lo è solo parzialmente. Ostuni è un rinomato centro turistico, ha ricevuto la bandiera blu e le cinque vele di Legambiente.

Il centro storico è strapieno di ristorantini e attività commerciali di ogni sorta. Per soggiornare qui avrete l’imbarazzo della scelta: potete scegliere un luogo interno alla cittadina, altrimenti puntare sulla campagna circostante, dove le masserie sono numerose.

Se amate la natura incontaminata, i prodotti a chilometro zero, la tranquillità e i sapori autentici andate alla Masseria Casamassima, a pochi chilometri dal centro cittadino. Nel 2001 il complesso è stato convertito in un agriturismo che produce olio d’oliva.

Per gli amanti delle riserve naturali e delle spiagge a strapiombo lo stop successivo dovrebbe essere a Otranto. Anticamente chiamato “Idrunto”, il centro si trova sulla costa adriatica della penisola salentina ed è uno dei comuni più orientali d’Italia.

E’ un rilevante centro turistico ricco di storia: prima greco-romano, poi bizantino, poi aragonese, si sviluppa attorno ad un castello maestoso e alla cattedrale normanna. Fa parte del Club “I borghi più belli d’Italia” e il suo centro storico è diventato patrimonio UNESCO nel 2001. 

Tra le migliori strutture del luogo figura l’Hotel Corte di Nettuno, proprio a ridosso del porto. L’albergo è dotato di tutti i comfort, compresa una piacevolissima terrazza dalla quale si può ammirare il panorama.

A pochi chilometri dal Nord di Otranto si trova la Baia dei Turchi, una delle spiagge più belle d’Italia. L’area è una riserva naturale ed è così chiamata perchè vi sbarcarono i turchi durante la guerra contro Otranto, nel XV secolo. Un lungo sentiero circondato da una fitta pineta si interrompe improvvisamente per lasciare spazio ad un panorama mozzafiato, sugli strapiombi a picco sul mare turchese.

All’altezza di Otranto, ma più nell’entroterra, gli amanti delle tradizioni locali e del divertimento dovrebbero fare tappa a Melpignano. E’ qui che il 27 agosto avrà luogo la Notte della Taranta, il festival che celebra e valorizza la musica tradizionale salentina. “Un grande successo italiano”  -come lo ha definito il Ministro Dario Franceschini- che quest’anno conosce il centenario della sua nascita.

Se il vostro viaggio avverrà prima o dopo il mese di agosto, la vostra ultima tappa dovrebbe essere Leuca. A pochi passi dal centro cittadino si trova Marina di Pescoluse: un’immensa riserva naturale dove è impossibile accedervi in automobile. Lascerete la vostra auto in un parcheggio, dopodichè sarete accompagnati in prossimità della spiaggia da un’apposita navetta.

Mare cristallino e sabbia bianca, non è un caso che le chiamino Maldive del Salento. 

Potrebbe interessarti: 

 

Salento, alla scoperta di Melendugno
Salento, mare e cultura al sole della Puglia
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti