Sansepolcro ospita la mostra Steve McCurry Icons dal 28 giugno al 5 novembre

Print Friendly, PDF & Email

 

Il Museo civico di Sansepolcro ospita la mostra “Steve McCurry Icons” dal 28 giugno al  5 novembre 2017 che raccoglie in circa 100 scatti l’insieme della sua vasta produzione, per proporre ai visitatori un viaggio simbolico nel complesso universo di esperienze e di emozioni che caratterizza le sue immagini.

A partire da alcuni scatti, gli unici in bianco e nero, realizzati tra il 1979 e il 1980 nel suo primo reportage in Afghanistan, dove era entrato insieme ai mujaheddin che combattevano contro l’invasione sovietica.

Dall’Afghanistan veniva anche Sharbat Gula, la ragazza che McCurry ha fotografato nel 1984 nel campo profughi di Peshawar in Pakistan e che è diventata una icona assoluta della fotografia mondiale.

Dall’India alla Birmania, dal Giappone all’Africa, fino al Brasile: con le sue foto Steve McCurry mette in contatto il visitatore con etnie lontane e culture diverse. 

Vari anche i video presenti nell’esposizione: il primo video proiettato accompagna le foto del primo reportage in Afghanistan; nel secondo video, McCurry racconta la sua lunga carriera e soprattutto il suo modo di intendere la fotografia; il terzo ed ultimo filmato, prodotto da National Geographic  è dedicato alla lunga ricerca che ha portato Steve McCurry a ritrovare  la “ragazza afghana”, 17 anni dopo il famoso scatto. 

 

Credits

Steve McCurry. Icons

a cura di Biba Giacchetti

 

Informazioni

Steve McCurry. Icons

Sansepolcro – Museo Civico, Via Niccolò Aggiunti, 65

28 giugno – 5 novembre 2017

Orari:

dal 28 giugno al 24 settembre: dalle 10 alle 13,30 e dalle 14,30 alle 19

dal 25 settembre al 5 novembre: dalle 10 alle 13 e dalle 14,30 alle 18

 

Costi del biglietto:

€ 10,00 Intero                

€ 8,50 Ridotto

Fonte: www.civita.it

 

Potrebbe interessarti

Gli scatti ‘Senza confini’ di Steve McCurry in mostra a Napoli
Otranto, le icone di Steve McCurry al castello Aragonese
A Forlì la mostra Steve McCurry, Icons and Women
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti