Salvaguardia marina ed attività subacquee nella Kodiak Queen con il Project YOKO BVI Art Reef

Print Friendly, PDF & Email
Kodiak Queen

Project YOKO BVI Art Reef: il relitto della Kodiak Queen diventa un punto d’incontro tra avventure subacquee, arte e salvaguardia dell’ecosistema marino.

The British Virgin Islands Tourist Board (BVITB) crea il Project YOKO B.V.I. Art Reef grazie al quale flora e fauna marine a rischio possono proliferare. L’iniziativa ha trasformato il relitto della Kodiak Queen, una delle cinque imbarcazioni da guerra scampate all’attacco di Pearl Harbor, in una barriera artificiale e installazione d’arte sommersa dove le specie possono crescere. 

Il progetto riunisce la tutela dell’ecosistema marino delle BVI, incredibili esperienze di wreck diving e nuove forme di espressione artistica in un unico sito diving al largo dell’isola di Virgin Gorda.

Le Isole Vergini Britanniche sono molto apprezzate dai sub, che possono andare alla scoperta delle grotte marine, le colorate barriere coralline e gli antichi relitti affondati. Oggi, dopo essere stata calata lo scorso 11 aprile al largo delle coste di Virgin Gorda, la Kodiak Queen si aggiunge all’elenco di meraviglie da scoprire. 

Project YOKO BVI Art Reef avrà un impatto positivo sull’ecosistema marino delle Isole Vergini Britanniche. Allo stesso tempo, incentiverà il turismo diving dell’arcipelago.

Le Isole Vergini Britanniche sono molto apprezzate dai sub grazie alle grotte marine, le barriere coralline e i relitti affondati che ospitano. Oggi, dopo essere stata calata lo scorso 11 aprile al largo delle coste di Virgin Gorda, la Kodiak Queen si aggiunge all’elenco di meraviglie da scoprire. 

Il progetto è nato dalla collaborazione tra imprenditori, ingegneri, artisti, scienziati e filantropi. Trai quali, ci sono il fondatore del Gruppo Virgin, Sir Richard Branson, insieme alle associazioni no-profit Unite BVI Foundation e Beneath the Waves, il network di imprenditori Maverick 1000 e gli artisti e innovatori di Secret Samurai Productions.

 

 

Info: www.bvitourism.it

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti