Cucina eco-friendly, i consigli dello chef Fabio Ciervo

Print Friendly, PDF & Email
chef fabio ciervo

Lo chef Fabio Ciervo  de “La Terrazza dell’Eden” a Roma ha dato qualche consiglio per favorire una cucina eco-friendly, a margine della presentazione di Taste 2017.

Contenere gli sprechi, soprattutto di acqua – in un periodo come questo in cui si parla tanto dell’emergenza siccità – e ridurre gli imballaggi e il packaging sono gli aspetti principali toccati dallo chef. “Nelle cucine sia casalinghe che professionali – ha osservato Ciervo – c’è tanto spreco d’acqua, la si utilizza in tutte le lavorazioni. E’ uno spreco non solo economico, ma della natura, che ci costringerà sempre più a cucinare con acqua rigenerata”.  In particolare, le verdure in cucina è meglio lavarle all’istante secondo lo chef; far scorrere l’acqua corrente sulle patate è uno spreco inutile ed è meglio lavarle una per volta prima di procedere alla cottura.

Anche il sottovuoto e la spesa oculata, senza maxi scorte e con acquisti di ortofrutta di stagione, rappresentano per lo chef un’ottima scelta per contenere gli sprechi.

Attenzione anche agli imballaggi. “L’igiene e la sicurezza alimentare sono importanti, ma la corsa all’igiene ha portato a degli eccessi – sostiene lo chef de “La Terrazza dell’Eden” – Il riso, ad esempio, è spesso confezionato in plastiche sottovuoto, avvolto nel cartone e talvolta contenuto in latta. Col supporto della scienza, occorre garantire la sicurezza, ma senza perdere praticità e buon senso“.

Da ridurre anche la plastica in direzione di una cucina più ecologica, secondo Ciervo: “ Ho scelto contenitori in metallo e niente plastica. La spesa iniziale è superiore, ma sono oggetti duraturi, anche per 25 anni, che ben sopportano detergenti ecologici e a basso impatto ambientale“.

Fonte: Ansa

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti