Basilicata da brivido: Il Volo dell’Angelo e Il Ponte alla Luna

Print Friendly, PDF & Email

Siete in cerca di emozioni forti? La Basilicata fa al caso vostro. In terra lucana ad attendervi due attrazioni al cardiopalma: Il Volo dell’Angelo e Il Ponte alla Luna.

Un volo tra le Dolomiti Lucane

 

Un cavo d’acciaio tra i 1415 e 1452 metri, a seconda del punto di partenza, sospeso tra due vette collega due incantevoli borghi, incastonati nel suggestivo paesaggio delle Dolomiti Lucane: questo è il Volo dell’Angelo. Da visitare, insieme alle meraviglie naturali del Parco Gallipoli Cognato, Castelmezzano e Pietrapertosa, entrambi inseriti tra i borghi più belli d’Italia. 

Legati in totale sicurezza da un’imbracatura e agganciati ad un cavo d’acciaio, potrete provare l’ebrezza del volo. Si tratta di un’attrattiva unica sia in Italia che nel mondo: sono tanti gli stranieri che giungono da ogni parte del globo per provare il Volo dell’Angelo.

Due le linee tra cui poter scegliere:

  •  La prima, detta di San Martino che parte da Pietrapertosa (quota di partenza 1020 mt) e arriva a Castelmezzano (quota di arrivo 859 mt) dopo aver percorso 1415 mt raggiungendo una velocità massima di 110 Km/h.
  •  La linea peschiere, invece, permetterà di lanciarsi da Castelmezzano (quota di partenza 1019 mt) e arrivare a Pietrapertosa (quota di arrivo 888 mt) toccando i 120 Km/h su una distanza di 1452 metri.

Un percorso di ponti tibetani a Sasso di Castalda

Adrenalinico è anche Il Ponte alla Luna, la nuova attrazione che si trova sempre in provincia di Potenza, ma nel comune di Sasso di Castalda. Inaugurato, lo scorso 8 aprile, si tratta di un ponte tibetano della lunghezza di 300 metri a 120 metri dal suolo.

Il percorso dei ponti tibetani di Sasso di Castalda si sviluppa sulle sponde del “Fosso Arenazzo” che si apre ai piedi del centro storico. Percorrete in 15 minuti il sentiero lungo la sponda del Fosso per raggiungere il Ponte alla Luna. Dopo aver camminato per 300 metri sospesi nel vuoto, troverete ad attendervi una sky-walk in vetro sospesa sul ponte e un belvedere attrezzato per rifiatare qualche minuto, dove potrete ammirare il panorama delle montagne circostanti seduti sugli antichi ruderi.

Dress code: abbigliamento sportivo e scarpe da trekking, da ginnastica o con suole in gomma antiscivolo.

Potrebbe interessarvi:

Basilicata: terra millenaria immersa nella natura

 

Il peperone “croosko” della Basilicata celebrato sul The Guardian

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

A Siena ritorna «Risvegli d’arte»

Siena. Per il terzo anno consecutivo, l’Opera della Metropolitana propone «Risvegli d’arte», una serie di eventincontri, visite guidate e conferenze su temi che gravitano attorno ...
Vai alla barra degli strumenti