A ogni viaggio, la valigia giusta

Print Friendly, PDF & Email

Il sogno di ogni viaggiatore è l’avere con sé la valigia di Mary Poppins, quella che contiene oggetti all’infinito, senza dover fare selezioni o preoccuparsi del suo peso.

Ma i sogni non sono realtà e non esiste una sola valigia per viaggiare il mondo.

Ogni viaggio vuole la sua, come sostengono, con sfumature e approcci diversi, tre libri appena usciti: “Come fare la valigia” di Lonely Planet, “Come fare la valigia perfetta” di Hitha Palepu e, a cavallo fra autobiografia e cinefilia, “La felicità è a portata di trolley” di Marta Perego.

Hitha Palepu, giramondo e blogger di successo, tra schede e disegnini insegna nel modo giusto come preparare la valigia, con una tabella di marcia che inizia una settimana prima del viaggio e prevede di controllare i capi indispensabili in modo che, se sono sporchi, c’è anche il tempo di portarli in tintoria.

Hitha Palepu, “How to pack”

Tra i suggerimenti: arrotolare la biancheria, usare buste di plastica per separare e trovare meglio ciò che si cerca e portare con sé dell’olio di cocco, che funge da collutorio e sbiancante per i denti, idrata il viso e serve persino per prevenire i postumi di una sbronza.

Così facendo l’alleggerimento del proprio bagaglio è assicurato.

Perchè quella della valigia è un’arte e saperla fare bene consente di viaggiare leggeri e felici, liberi dall’ansia.

A seconda della meta, quello che non deve mancare in valigia:

Città d’arte:

Parigi, Torre Eiffel

  • Occhiali da sole,
  • Maglia in cachemire, che occupa poco spazio, pesa poco e difende dall’aria condizionata,
  • Scarpe comode,
  • Dispositivi digitali: scaricare cartine e app da utilizzare anche senza connessione.

Natura selvaggia:

La spettrale foresta di Hoia Baciu, Romania

  • Maglietta in puro cotone,
  • Scarpe da trekking
  • Borraccia morbida,
  • Kit di pronto soccorso, con antisettici, rimedi per ferite e disturbi gastrointestinali,
  • Caricabatteria a energia solare,
  • Torcia a pile.

Spiaggia:

Spiaggia dei conigli, Lampedusa

  • Muta, utile nelle acque fredde del nord,
  • Scarpe comode,
  • Bendana, cappello e foulard,
  • Sandali comodi,
  • Talco, ideale per liberarsi dalla sabbia e per rinfrescarsi.

Montagna:

Dolomiti del Brenta

  • Calze,
  • Scarpe da montagna, da indossare qualche giorno prima di partire,
  • Protezione solare,
  • Burro di cacao e creme idratanti,
  • Acetazolamide, per contrastare il mal di montagna.

Barca:

Vacanza in barca a vela nel Mediterraneo

  • Giacca a vento: impermeabile contro frescura e umidità,
  • Contanti perché in alcune isole i bancomat non ci sono,
  • Scarpe impermeabili.

 

 

Potrebbe interessarti anche:

 Irlanda del Nord: in viaggio nei Sette Regni del Trono di Spade
 Il trekking nelle montagne selvagge d’Italia
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

5 cose di Bernini da vedere a Roma

Chiese, palazzi, fontane, sculture e dipinti. Percorrendo le strade del centro di Roma, è quasi impossibile non inciampare davanti a un capolavoro di Gian Lorenzo ...
Vai alla barra degli strumenti