41a Sessione Comitato Patrimonio Mondiale sullo stato di conservazione del sito “Venezia e la sua laguna”

Print Friendly, PDF & Email

Dal 2 al 12 luglio, il Comitato del Patrimonio Mondiale è a Cracovia per decidere sullo stato di conservazione del Sito “Venezia e la sua laguna”.

Il Comitato del Patrimonio Mondiale ha adottato la Decisione sullo stato di conservazione del sito “Venezia e la sua laguna”. La riunione, per la sua 41aSessione, si è tenuta a Cracovia. 

La Decisione esprime apprezzamento per il lavoro svolto dal Governo in sinergia con il Comune di Venezia e le autorità locali che hanno collaborato con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e con la Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO.

Dopo aver preso atto dei progressi già realizzati e riconoscendo la complessità delle tematiche inerenti lo stato di conservazione del Sito, l’Unesco ha confermato la necessità di disporre di tempi adeguati per verificare tecnicamente le soluzioni già individuate e in corso di definizione relative alle principali questioni all’attenzione dell’UNESCO.

Tra le questioni principali, il progetto di governance del turismo, l’alternativa al passaggio delle grandi navi in Bacino San Marco, e la tutela dell’identità locale e delle tradizioni.

L’Unesco ha anche sottolineato l’opportunità che venga raggiunto un ampio consenso tra le istituzioni ed i diversi portatori d’interesse.

Tra le raccomandazioni incluse nella Decisione riguardante “Venezia e la sua laguna” c’è la richiesta di un aggiornamento del rapporto sullo stato di conservazione del sito che illustri i progressi ulteriormente raggiunti. Prevede farlo entro il 1 dicembre 2018, affinché sia valutato nella 43a sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale del 2019.

Si tratta di un importante risultato che rafforza l’impegno del Governo e delle autorità locali a proseguire gli sforzi già in atto per la tutela di “Venezia e la sua laguna”, trenta anni dopo la sua iscrizione nella World Heritage List. 

Info: Ufficio Stampa Mibact

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti