Controlli carabinieri: rispetto ordinanza anti-alcool e furti in zone centro

Print Friendly, PDF & Email

Roma. Nel quartiere Esquilino, nel corso di un’intensa attività di controllo del territorio, i Carabinieri hanno fermato 4 borseggiatori.

Nello specifico, all’interno di un negozio in via Filippo Scolari sono state fermate due cittadine romene, di 30 e 17 anni, senza fissa dimora e con precedenti, colte in flagranza mentre tentavano di sfilare il portafogli e lo smartphone dalla borsa di una cliente, intenta a osservare la merce esposta.

La 30enne è stata arrestata mentre la minore denunciata a piede libero. Per entrambe l’accusa è di tentato furto aggravato in concorso.

In via del Tritone, invece, i Carabinieri hanno arrestato, con l’accusa di furto aggravato in concorso, due cittadini stranieri, un 42enne della Libia  e un 51enne del Marocco, senza fissa dimora e già noti alle forze dell’ordine, che avevano rubato la borsa a una turista ungherese, di 50 anni, intenta a cenare in un fast food.

Sul fronte ordinanza anti-alcool, nel rione Monti, con l’impiego di circa 30 unità, i Carabinieri hanno concentrato la presenza di pattuglie in uniforme e in borghese, adottando la tolleranza zero contro la movida selvaggia, verificando il rispetto dell’ordinanza comunale anti alcol.

Circa 250 le persone e 100 i mezzi controllati.

Sempre a Monti sono stati eseguiti controlli amministrativi in alcuni locali ed esercizi commerciali, tra cui un bar che è stato sanzionato per 10.500 Euro in quanto vi lavoravano 7 persone in nero; un ristorante cinese sanzionato per 18.500 Euro per detenzione di alimenti privi di tracciabilità, illecita congelazione di prodotti alimentari originariamente freschi e precarie condizioni igieniche in cucina, sequestrando circa 100 kg di prodotti (carni di vario tipo, pasta fresca e altro) immediatamente distrutti.   

 

Fonte: Ufficio Stampa Provinciale Carabinieri di Roma

Potrebbe interessarti:

Set cinematografici nel centro di Roma: il primo Municipio chiede una tassa
Il Campidoglio e l’ordinanza sulle bevande alcoliche
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti