I Grizzly dello Yellowstone non sono più a rischio di estinzione

Print Friendly, PDF & Email

 

I grizzly di Yellowstone stanno per essere tolti dalle liste delle specie a rischio tutelate a livello federale. Lo annuncia il Fish and Wildlife Service. Il ministro degli Interni Ryan Zinke parla “di grande successo nella storia della protezione delle specie in America” citando la decisione motivata dal fatto che da 136 nel 1975, quando era scattata la tutela, gli Yoghi di Yellowstone sono saliti a quota 700.

Immediate le proteste da parte degli ambientalisti e delle tribù indiane, per i quali i “grizzly” sono animali sacri. Dopo oltre 40 anni la giurisdizione sugli orsi torna ai tre Stati dell’Idaho, del Montana e del Wyoming: nel caso in cui i tre Stati decideranno di far ripartire la caccia o se gli orsi venissero considerati una minaccia per l’allevamento del bestiame,  per ogni grizzly che si avventura fuori dal parco potrebbe scattare la caccia.

Preannunciata un’azione legale da parte di Matt Bishop, avvocato del Western Environmental Law Center perché la decisione “non è stata presa su basi scientifiche”. A motivare le proteste degli ambientalisti i cambiamenti climatici dovuti all’effetto serra che sta cambiando l’ecosistema della regione dei parchi, mettendo a rischio l’esistenza di un pino che è fonte di nutrimento per gli orsi.

La protezione delle specie a rischio negli stati del West è un tema politico: i repubblicani hanno presentato diverse proposte per cambiare la legge che ne fissa i criteri tra cui quella sponsorizzata dal senatore Rand Paul del Wyoming in base alla quale verrebbe richiesto il si’ del Congresso per ogni nuovo inserimento e l’uscita dalle liste dopo cinque anni di protezione.

 

Fonte: Ansa

 

Potrebbe interessarti

Allarme ambiente: a rischio le Isole Pacifico e Caraibi
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Estate 2018, boom di stranieri nel Bel Paese

Agli stranieri piace l’Italia e quest’amore è sempre più forte nonostante le varie “malattie”, dall’abusivismo scoperto anche oggi dalla Guardia di Finanza alla non adeguatezza ...
Vai alla barra degli strumenti