Incendi boschivi: è emergenza sul Vesuvio

Print Friendly, PDF & Email

Napoli. Il patrimonio boschivo del Vesuvio è vittima dell’irresponsabilità di pochi e della disattenzione delle istituzioni locali.

È quanto afferma Rosario Lopa, coordinatore della Consulta Nazionale dell’Agricoltura, lanciando l’allarme sul numero dei roghi che mandano in fumo intere zone attorno al vulcano e che sono in gran parte di origine dolosa.

Solo dal 10 giugno, gli incendi nella regione sono stati 927. 

A bruciare sono stati, finora, soprattutto i parchi nazionali. Si parla di decine di ettari di bosco, le cui fiamme sono state tenute sotto controllo dai Carabinieri Forestali, Vigili del Fuoco, personale della Regione Campania e da circa 100 volontari della Protezione Civile.

Ma il lavoro di contrasto e prevenzione degli incendi deve coinvolgere anche gli stessi cittadini.

“Ognuno deve fare la propria parte per fermare il fuoco e conservare quella ricchezza insostituibile rappresentata dai boschi e dal verde della nostra regione” – dichiara Lopa.

A fronte della situazione, per la Campania e la Provincia di Napoli, si chiederà al governo nazionale di rafforzare la presenza di uomini e mezzi nella prevenzione e nello spegnimento degli incendi, oltre alla creazione di torrette per l’avvistamento degli stessi.

“Il nostro patrimonio boschivo è vittima dell’irresponsabilità di pochi e della disattenzione, oltre che del clima torrido di quest’estate” – conclude Lopa –“Rinnovo quindi il mio appello ai cittadini perché siano sentinelle del territorio e chiamino il 1515 per segnalare ogni principio di incendio”.

 

Fonte: Consulta Nazionale Agricoltura

Potrebbe interessarti anche:

Al via il Piano Caldo nel Comune di Roma: aumentano i posti giornalieri
Legambiente presenta Ecomafia 2017: tutti i dati sulla criminalità ambientale in Italia
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti