La Raggi e lo scudo ai centurioni

Print Friendly, PDF & Email

Centurioni sfrattati dal centro. Per la prima volta con la nuova ordinanza firmata dalla sindaca Raggi si vieta agli emuli di Russel Crowe di stazionare davanti i più importanti monumenti della città.

Gli pseudo gladiatori non potranno così più mettersi in posa per foto o video con i turisti né davanti al Colosseo né alla Fontana di Trevi.

L’ordinanza firmata dalla Raggi, che era stata precedentemente bocciata dal Tribunale regionale, sfrutta questa volta i poteri speciali concessi dal Decreto Minniti, dove al posto dell’articolo 54 del Tuel (il Testo Unico degli enti locali) che disciplina le misure per la sicurezza urbana, è stato citato l’articolo 50 del testo, volto invece ad assegnare ai sindaci poteri rafforzati in materia di decoro e tutela del patrimonio culturale cittadino.

Il sindaco ha così pieni poteri nel contrastare situazioni di incuria e degrado del territorio, dell’ambiente, del patrimonio culturale e della vivibilità urbana.

Tale ordinanza, che resterà in vigore fino al 31 ottobre 2017, riguarda buona parte del centro storico.

Nello specifico, rientrano in queste 55 aree quelle di Borgo Pio, piazza Cavour, piazza Venezia, Colosseo, piazzale Flaminio, Fontana di Trevi, piazza di Spagna, piazza Navona, Pantheon, Lungotevere Testaccio, Ponte Sublicio, via delle Belle Arti e via del Muro Torto.

I centurioni che non rispetteranno i nuovi divieti incapperanno in sanzioni fino a 400 euro, ma promettono battaglia e sono già pronti a presentare ricorso.

Prossime tappe dell’agenda Raggi sono ora il regolamento sui risciò e i tavolini selvaggi a Piazza di Spagna.

 

Fonte: Ufficio Stampa Comune Roma

Potrebbe interessarti anche:

Piazza di Spagna: blitz della polizia contro il tavolo selvaggio
Nella giungla dei risciò arrivano gli sceriffi
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti