Picnic: cosa mettere nel cestino e non solo

Print Friendly, PDF & Email

 

Estate in città, cosa fare? Perché non una bella gita fuori porta? O meglio un bel picnic? Aria aperta e natura, parola d’ordine: relax! Perciò, chiamate i vostri cari e preparatevi a trascorrere una giornata all’insegna della spensieratezza.

Come organizzare un picnic perfetto? Innanzitutto individuate un bel prato su cui poter adagiare la vostra coperta e rilassarvi mangiucchiando sfiziosità varie, badate bene che sia il più lontano possibile dallo smog e dal traffico cittadino.

 

E poi:

La coperta. Dimenticate il classico plaid e procuratevi coperte in pile, senza rinunciare alla stampa a scacchiera se vi piace, ma con il retro in plastica idrorepellente

Borsa frigo? Certamente. Siamo in estate e bere una bibita calda non è l’ideale e poi, il cibo va conservato bene, onde evitare mal di pancia.  Una borsa frigo dal design accattivante fa al vostro caso. Non dimenticate di seguire l’ordine corretto nel riporre le pietanze che preparerete: sul fondo i cibi che rimarranno in frutta e dolci, in le prime portate, come gli antipasti e le bevande ai lati o in un contenitore a parte.

Cuscini: la comodità prima di tutto.

Nel cestino, rigorosamente country chic, posate, piatti e bicchieri, non di plastica e poi, tovaglioli di stoffa: non rinunciate a un tocco di classe, nemmeno durante un picnic! Ah, portate con voi anche l’antizanzare.

Portate un barbecue: non accendete fuochi nella natura.

Non dimenticate i sacchetti per i rifiuti.

 

Come vestirsi

Comodità non significa sciatteria: ok shorts e abiti svolazzanti, magari con fantasie a fiori o con farfalle, bluse bohémien, ciabatte flat a righe e per proteggervi dal sole, un bel cappello in carta tessile. Bene anche vestiti in lino e in jersey leggero e sono amate il floreale, puntate sul total white: sempre elegante. Per quanto riguarda la borsa, ceste, bauletti e shopping bag in vimini, rafia o paglia.

 

Cosa mangiare

Sicuramente stuzzichini e piatti pratici, a un picnic che si rispetti non possono mancare torte salate, focacce, frittate, sandiwich e panini. Come primi piatti sono ideali cous cous, insalate di riso e di pasta. Per rinfrescarvi tanta frutta di stagione e per terminare un fresco dolce al cucchiaio, soffici plumcake o le classiche crostate di frutta. Qualche idea?

 

Pane di patate con cotolette di tacchino

per 6 persone
Ingredienti
500 gr pane di patate
400 gr tacchino fesa
100 gr pane grattugiato
50 gr insalata mista
4 olive kalamata e 4 olive verdi
4 pomodoro merinda
2 uova
2 zucchina
mazzetto prezzemolo
1 limone
1 spicchio aglio
q.b. olio per friggere
q.b. sale

Frullate il pangrattato con una manciata di foglie di prezzemolo, la scorza di mezzo limone e lo spicchio d’aglio sbucciato. Sbattete le uova con una presa di sale. Tagliate le fette di tacchino in cotolette, ponetele tra due fogli di carta da forno e battetele con un pestacarne per renderle sottili. Passatele nelle uova sbattute e nel pangrattato frullato.

Scaldate abbondante olio in una grossa padella e cuocete le cotolette, fino a che risultano dorate. Scolatele su carta assorbente e regolate di sale. Lavate i pomodori e le zucchinette, mondateli e tagliateli a fette sottili.

Snocciolate i 2 tipi di olive e tagliatele a tocchetti, togliete la calotta del pane e svuotatelo dalla mollica. Riempitelo con i pomodori, le cotolette, le zucchinette, l’insalatina e le olive. Compattate il tutto e fate riposare almeno per mezz’ora prima di servire il pane tagliato a fette.

 

Pomodori ripieni

per 12 pomodori ripieni
Pomodori ramati da circa 200 gr
Riso vialone nano 320 g
Aglio 1 spicchio
Prezzemolo 2 cucchiai
Basilico
Scamorza (provola)
120 g  Sale fino q.b.
Pepe nero q.b.
Olio extravergine d’oliva q.b.
Parmigiano reggiano 40 g
Pecorino 40 g

Lavate e asciugate i pomodori, poi tagliate loro le calotte e tenetele da parte. Tagliate il perimetro interno del pomodoro con un coltellino e poi servendovi di un cucchiaio, scavate ed eliminate tutto il contenuto dei pomodori che riverserete in una ciotola e frullerete.

Salate l’interno dei pomodori e metteteli a sgocciolare su di una gratella con la parte scavata verso il basso. Mettete in una padella due cucchiai di olio e uno spicchio di aglio schiacciato, quindi fatelo dorare e poi aggiungete il composto frullato di pomodori. Fate asciugare e addensare il tutto e poi, prima di spegnere il fuoco, salate, pepate e aggiungete il prezzemolo e il basilico tritati.

Lessate il riso in abbondante acqua salata e scolatelo ancora molto al dente, quindi versatelo dentro ad una ciotola dove aggiungerete il composto di pomodoro e i formaggi grattugiati,  quindi pepate e mescolate per bene.

Riempite ogni pomodoro con un cucchiaio di ripieno tagliate quindi la provola in 12 dadi del peso di circa 10 gr l’uno e infilate ogni dado nel centro dei pomodori ripieni di riso; ricoprite con altro riso e ponete i pomodori ripieni in una teglia dal fondo oliato.

Mettete sulla leccarda del forno un foglio di carta forno e poggiatevi sopra tutte le calotte che avete inizialmente tagliato via dai pomodori. Cospargete i pomodori con un filo d’ olio evo e poi infornate in forno già caldo a 180° per almeno 50 minuti, mettendo nella tacca sotto a quella dove avete poggiato i pomodori, la leccarda con le calotte.

Quando i pomodori avranno la superficie ben dorata (se non lo fosse accendete per qualche minuto il grill del forno) estraete i pomodori e le calotte, lasciate riposare per 5 minuti e poi mettete le calotte sui pomodori come fossero dei cappellini.

La frutta per il picnic

1 spicchio di anguria
1 melone profumato
150 g di frutta mista di bosco
1 bicchierino di Cassis
 10 g di fogli di gelatina
 50 g di zucchero.  

Ammorbidite la gelatina nell’acqua fredda. Portate a ebollizione 2 dl di acqua con lo zucchero. Togliete dal fuoco, aggiungete la gelatina strizzata e mescolate finché si sarà sciolta completamente. Aggiungete il Cassis, mescolate e lasciate intiepidire. Versate un velo di gelatina sul fondo di una piccola teglia antiaderente, quadrata o rettangolare. Trasferitela in  frigorifero fino a che la gelatina si rapprenderà leggermente.  

Pulite, lavate e sgocciolate i frutti di bosco. Distribuiteli sullo strato di gelatina e copriteli con quella rimasta. Mettete nuovamente la teglia in frigorifero per alcune ore, finché la gelatina si sarà ben rassodata.  Sformate la gelatina, tagliatela a cubetti, mettetela in un recipiente munito di coperchio e trasferitela in frigorifero. Tagliate a cubetti anche la polpa di anguria e di melone e sistemateli separati in altri due contenitori.  

Mettete i contenitori in una borsa termica ben refrigerata. Preparate gli spiedini al momento di servire, alternando la frutta fresca con i cubetti di gelatina. 

Tartufini al cocco e mandorle

per 4 persone

150 g di latte condensato 
100 g circa di cocco rapè 
13-14 mandorle
cocco rapè

Mescolate il latte condensato al cocco fino ad ottenere un composto omogeneo. Lasciate riposare per 20 minuti. Con le mani leggermente bagnate, prelevate piccole parti di impasto, formate delle palline e inserite in ognuna una mandorla. Rotolarle nel cocco, facendolo aderire bene. Lasciate riposare in frigorifero per almeno 4 ore prima di servirli.

 

Potrebbe interessarti:

Il Picnic di Pasquetta
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti