Tanta musica al “Magnetic Festival” dell’Isola d’Elba

Print Friendly, PDF & Email

Capoliveri, Isola d’Elba. In una delle mete turistiche più gettonate d’Italia va in scena, dal 9 al 24 luglio, la terza edizione del “Magnetic Festival”.

Evento che spazia dall’opera alla musica da camera, fino alle contaminazioni tra jazz e musica classica, organizzato dall’Associazione Culturale Maggyart.

Due le location che ospiteranno i vari appuntamenti: la Miniera del Ginevro e Piazza Matteotti.

In particolare, quella della miniera, sul Monte Calamita, è un’ambientazione davvero suggestiva dal palcoscenico naturale a picco sul mare.

La Miniera del Ginevro si trova infatti nel giacimento di magnetite – il minerale di ferro che si estraeva fin dall’antichità – più grande d’Europa ed è in disuso dal 1981, dopo soli dieci anni di attività.

7 gli appuntamenti in programma, più un ciclo di “Matinée” musicali, dalle ore 10 in Piazza Matteotti, che faranno da preludio artistico e aiuteranno a vivere ancora più intensamente gli appuntamenti serali.

Il Magnetic Festival verrà inaugurato domenica 9 luglio alle ore 22 nella Miniera del Ginevro con I Cameristi della Scala e le loro caratteristiche musicali che li rendono unici tra le altre formazioni da camera italiane.

Mercoledì 12 luglio l’appuntamento sarà alle ore 22 in Piazza Matteotti a Capoliveri con Il giardino dell’Amore, Orchestra da Camera Europea composta da giovani musicisti specializzati soprattutto in musica barocca italiana del XVII e XVIII secolo, mentre domenica 16 luglio, alle 22,  si esibirà il Coro dell’Opera di Parma con un repertorio che comprende le principali opere dell’Ottocento.

Lunedì 17 luglio, alle 21.30, il festival tornerà nella Miniera del Ginevro per l’opera verdiana “La Traviata”, con l’Orchestra Sinfonica delle Terre Verdiane, mentre giovedì 20 luglio alle 22 vi saranno invece le contaminazioni tra classica e jazz del poliedrico Nigel Kennedy.

Tra le altre data, quella di sabato 22 luglio, in Piazza Matteotti, per il concerto dell’Orchestra Sinfonica “Terre Verdiane” e lunedì 24 luglio con il gran finale, alla Miniera del Ginevro, con un’altra imponente opera, l’ “Aida” di Giuseppe Verdi, diretta da Stefano Giaroli.

I fondi raccolti durante i concerti  e i mattinée saranno destinati al restauro dell’antico Organo a canne del 1738 che si trova nel Santuario della Madonna delle Grazie nel comune di Capoliveri, visitato ogni anno da molti turisti e particolarmente amato dagli abitati del luogo.

 

Informazioni utili:

Biglietti: i concerti in Piazza Matteotti sono ad ingresso gratuito.

Per gli appuntamenti nella Miniera del Ginevro biglietti a partire da euro 21,50

Abbonamenti per l’intero Festival a partire da euro 121,50.

Tel. +39 377 2628955 / e-mail: maggyart@hotmail.com  www.maggyart.it

Fonte: Maggyart Associazione Culturale Artistica

Potrebbe interessarti anche:

Salpa Goletta Verde, di Legambiente, per monitorare la qualità del mare
Le Maldive d’Italia: ecco le spiagge più belle per l’estate 2017
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti