Weekend in Francia: alla scoperta di Honfleur

Print Friendly, PDF & Email

 

Viaggio in Francia? Tra le mete meno conosciute c’è sicuramente Honfleur, un piccola città che si trova nella regione della Bassa Normandia sulla riva meridionale dell’estuario della Senna. Tappa ideale per un break dopo un weekend passato nella splendida capitale francese.

In questo periodo dell’anno sono vari gli sconti attivati sul portale web di Snfc per la fascia di età compresa tra i 12 e i 27 anni, per gli over 60, per chi viaggia da solo o in coppia nei week end e per i bambini.

 

Cosa vedere a Honfleur

Il quartiere Sainte-Catherine 

Tra le vie fiorite del quartiere Sainte-Catherine è situata la suggestiva chiesa di Sainte-Catherine, interamente in legno, il cui tetto che ricorda lo scafo rovesciato di una nave.

Il museo Eugène Boudin

Proseguendo sulla rue Alphonse Allais, tappa obbligata è il museo Eugène Boudin, precursore dell’Impressionismo e uno dei primi artisti a sfidare la tradizione pittorica spostando il cavalletto dallo studio all’aria aperta.

Le Maison Satie 

Le scale davanti al Museo Boudin portano alla via Haute fino alle Maison Satie, alla scoperta del musicista e compositore Erik Satie, originario di Honfleur, seguendo un percorso scenografico e musicale.

Naturospace

È la più grande serra di farfalle tropicali della Francia. Una superficie di 800 m² a 28° tutto l’anno e uno scenario unico: una vera e propria foresta tropicale popolata da migliaia di farfalle svolazzanti.

Il museo d’Alphonse

È il museo più piccolo della Francia, un gioiellino in cui scoprire una collezione di invenzioni e oggetti insoliti: i tappi di cera neri per le orecchie per persone in lutto che non vogliono sentire rumore, l’amido blu, bianco e rosso per irrigidire la bandiera francese, la macchina che trasforma in non potabile l’acqua potabile, la macchina per realizzare i fondi di cassetto e il cranio di Voltaire a 17 anni.

Le gallerie d’arte e i musei 

Sono numerose le gallerie d’arte di Honfleur. Da non perdere il museo di etnografica, installato in un edificio tipico del XVI secolo e all’epoca adibito a prigione. È dedicato agli stili di vita del passato con un allestimento specifico in ognuna delle sue 9 sale: il negozio del mercante, la bottega del tessitore, la sala del borghese, la camera della giovane donna. Infine, il museo della Marina, all’interno di una chiesa, presenta oggetti, modelli e documenti legati alla storia marittima di Honfleur durante il XVIII e il XIX secolo.

 

Fonte: Snfc

 

Potrebbe interessarti

Donne che viaggiano da sole: numeri in aumento

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti