A Milano arriva la rassegna “Museo a cielo aperto”

Print Friendly, PDF & Email

Milano. Domenica 27 agosto, dalle 10 alle 13, nuovo appuntamento estivo della rassegna di eventi gratuiti, “Museo a cielo aperto” , all’interno del Cimitero Monumentale.

Un ciclo di eventi, previsti ogni ultima domenica del mese fino al prossimo ottobre, in cui sarà possibile scoprire e riscoprire in modo insolito uno dei tesori d’arte e memorie della città. Tra teatro, musica, cinema e passeggiate tematiche.

Per tutta la mattina in sala conferenze saranno proiettati cortometraggi realizzati dalla Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti, mentre alle 10 e poi di nuovo alle 10.30, si svolgeranno due visite guidate a cura delle volontarie del Servizio Civile e del personale dipendente del Cimitero Monumentale.

Entrambi i percorsi, “Il Tempio Crematorio” a cura di Elisabetta Dolcino e “Conoscere il Reparto Ebraico” a cura di Boriana Valcinova, saranno dedicati ad approfondire alcuni aspetti e curiosità all’interno del ricco patrimonio artistico custodito tra i viali alberati del Monumentale.

Nella Galleria superiore di levante, alle 11.15, andrà in scena il corto teatrale dal titolo “Dario, satanassi, sberleffi e longa vita” di Luca Rodella, e interpretato da diplomati della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi.

Chiude l’appuntamento il “Sound&More” a cura del Trio ST 2-10 (Ivan Maddio, sax soprano e tenore, Andrea Serino, pianoforte e tastiere e Stefano Di Niglio, batteria) in programma alle 12.15 presso la Galleria superiore di ponente.

Il trio, in formazione bass-less, propone brani molto eterogenei e distanti tra loro. Si passa dall’Afro Blue di Coltrane degli anni ‘60 a brani recenti di John Zorn. Tutto viene riletto in una chiave che è il risultato della somma dei singoli componenti: effettistica naturale o elettronica, armonie coraggiose, ricerca melodica, ritmica che guarda all’elettronica e al drum and bass.

I prossimi appuntamenti sono previsti il 24 settembre e 29 ottobre dalle 10 alle 18.

 

Credits: promosso dal Comune di Milano e realizzato da Fondazione Milano – Scuole Civiche presente con diplomati e allievi della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, della Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti e della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi.

 

Fonte: Segreteria Ufficio Stampa – Comune di Milano

Potrebbe interessare:

 Toscana, Museo di San Mamiliano di Sovana: una mostra sull’arte della guerra alla fine dell’impero romano
 Arriva “Trasformazione”, l’esibizione di Alessandra Angelini tra manualità e tecnologia
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti