La Francia presenta la nuova legge salva-balene nel Mediterraneo

Print Friendly, PDF & Email
Nuova legge salva-balene

Wwf, al via in Francia legge salva-balene nel Mediterraneo. Wwf Italia rivolge l’appello alle compagnie italiane.

Nuova iniziativa per salvare le balene nel Mediterraneo. I cetacei sono messi a rischio dal traffico marittimo, che ogni anno ne uccide una quarantina. La Francia ha deciso di fare qualcosa a riguardo: è entrata in vigore una legge che obbliga le navi a installare un sistema anti-collisione. 

È stata la compagnia italiana Corsica Ferries, che opera nelle aree più a rischio, ad adottare per prima il sistema anticollisione francese Repcet.

A dirlo il Wwf, che ha ottenuto in Francia “l’installazione obbligatoria di sistemi anti-collisione su tutte le navi francesi di oltre 24 metri che transitano più di 10 volte all’anno nel Santuario Pelagos”. Tuttavia, la misura “riguarda solo le navi battenti bandiera francese, che sono in numero inferiore rispetto alle navi italiane.”

È stato il Wwf Italia a rivolgere un appello alle compagnie italiane per adottare misure analoghe, dato che esse non sono costrette ad istallare gli stessi sistemi. 

Occorre sostenere e promuovere l’iniziativa, dato che il traffico marittimo nel Mediterraneo è quasi raddoppiato dal 2002 e continuerà ad aumentare. L’associazione ambientalista rileva che si tratta di:

Un impatto non sostenibile che concentra in uno specchio d’acqua, pari allo 0,32% del volume totale di tutti gli oceani del mondo, il 19% del traffico mondiale e allo stesso tempo ospita il 7,5% di tutte le specie marine del pianeta”.

Il tasso di crescita del traffico marittimo fa aumentare il rischio di collisione soprattutto nel Santuario Pelagos, la più grande area protetta del Mediterraneo. In questa zona, dove sono abbondanti i cetacei, è molto elevata l’intensità dei servizi turistici destinati alla Corsica e alla Sardegna.

 

Info: www.ansa.it

http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/animali/2017/07/25/wwf-al-via-in-francia-legge-salva-balene-nel-mediterraneo_54b35af7-0e3e-43d9-a23f-2ec75fdd3b7d.html

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti