La borsa frigo tra divieti e polemiche, tempi duri nelle spiagge italiane

Print Friendly, PDF & Email
borsa frigo

Si annunciano tempi duri per la borsa frigo nelle spiagge, l’oggetto su cui intere generazioni di bagnanti hanno fatto affidamento per i loro pranzi al mare, dopo l’ordinanza emessa da diverse spiagge per vietarne l’uso.

Il famoso oggetto termico è finito al centro della cronaca nelle scorse settimane dopo l’episodio avvenuto sulla spiaggia di Porto Pino, in Sardegna. Il video, postato sulla pagina Facebook di Cagliari Capitale, riprende un sardo che rimprovera a brutto muso una mamma che ha preparato un’insalata di riso in spiaggia gettando poi l’olio della scatoletta di tonno in mare e seppellendo la lattina nella sabbia.

Oltre a questo episodio, la borsa frigo ha incontrato ostacoli anche in altre località diventando il simbolo di un pranzo fai-da-te non sempre in linea con le regole fondamentali delle spiagge. Ad Alassio e in altri comuni del Savonese le borse frigo sono state messe al bando e, in accordo con la prefettura, sono stati vietati gli ingressi di fornelli e tende.

Se negli uffici e negli altri luoghi di lavoro le borse frigo sono sempre più usate rispetto al passato, nelle spiagge che da sempre sono state la loro “casa” questi oggetti termici – diventati un cult per le diverse generazioni – sembrano ripercorrere il cammino opposto.

Fonte: Ansa

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Borsa frigo

Vai alla barra degli strumenti