Legambiente da l’allarme: incendi boschivi in Italia, record in 2017

Print Friendly, PDF & Email
Incendi boschivi

Bruciati 74.965 ettari di boschi nei sette mesi del 2017. Sicilia, Calabria e Campania, le più colpite dagli incendi.

In 2017, le fiamme hanno divorato 74.965 ettari di superfici boschive in Italia. Nel periodo invernale, 2.926 ettari. Tra maggio ed il 26 luglio, 72.039. Oggi siamo al 156,41% del totale della superficie bruciata in tutto il 2016: 47.926 ettari.

I dati, elaborati da Legambiente, sono stati raccolti dalla Commissione europea nell’ambito del progetto Copernico. 

Le cinque regioni italiane più colpite sono: 

  • Sicilia: 25.071 ettari
  • Calabria: 19.224 ettari
  • Campania: 13.037 ettari
  • Lazio: 4.859 ettari
  • Sardegna: 3.512 ettari

Legambiente fa risalire che, ogni anno, il fuoco colpisce non solo le stesse regioni ma persino le stesse province.

Per questo motivo, quest’anno, con un’azione preventiva di vigilanza e controllo rafforzato in dieci province (Cosenza, Salerno, Trapani, Reggio Calabria, Messina, Siracusa, Latina, Napoli, Palermo, Caserta) si sarebbero potuti salvare fino a 47.559 ettari, più della metà di quanto bruciato finora.

Da non dimenticare che, in Italia, oltre alle alte temperature e la scarsa manutenzione dei boschi, grande parte delle foreste bruciano per colpa della mano criminale dell’uomo per il perseguimento di interessi economici.

Il trend è in crescita. Nel 2016, il rapporto Ecomafia evidenziò che gli incendi di origine dolosa erano quasi raddoppiati rispetto al 2015.  

Va anche aggiunto il numero insufficiente delle squadre di operai forestali e il processo di riorganizzazione delle funzioni dell’ex Corpo Forestale ora assorbito nell’Arma dei Carabinieri.

Si inseriscono anche l’assenza di strategie e di misure di adattamento al clima ed i ritardi nazionali dovuti al fatto che il Governo ed i Ministeri competenti non abbiano ancora approvato i decreti attuativi necessari al completamento del passaggio di competenze, personale, strumenti e mezzi per quanto riguarda l’antincendio boschivo.

 

Info: www.legambiente.it

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti