Milos: una piccola perla nel Mar Egeo

Print Friendly, PDF & Email

 

Milos l’isola di Venere, la più occidentale delle Cicladi, ha una superficie di 151 chilometri quadrati.

Questa isola a forma di ferro di cavallo ha più di 70 spiagge, alcune raggiungibili solo via mare, che si affacciano su un ampio golfo. Ottima la meta stradale per chi desidera girarla su due o quattro ruote; anche i mezzi pubblici sono buoni e consentono di spostarsi facilmente da un capo all’altro dell’isola.

Scoperta recentemente dal turismo internazionale, Milos è tra le Cicladi quella meno rumorosa: sebbene ci siano locali della movida e sia frequentata da molti giovani, non è particolarmente chiassosa. Il sonno è assicurato!

Grazie alla rete di traghetti veloci, inaugurata nel 2000, sono facilmente raggiungibili i villaggi vicini. In estate esistono traghetti quotidiani, con frequenze variabili da e per il Pireo, e per le altre isole vicine: Santorini, Folegandros, Sifnos, Paros, Siros.

Le spiagge di Milos sono famose per la loro varietà cromatica:  è possibile camminare su spiagge dalla sabbia bianca o nera, platino o rossa. Le acque sono limpide e trasparenti, dai colori che variano dal blu profondo al verde smeraldo.
 
Le spiagge più suggestive nella parte nord sono Firopotamos, Mantrakia e Sarakiniko, a sud Agia Kiriaki, Firiplaka, Paliochori e Tsigrado mentre a est e a ovest Thiafes e Triades, Gherakas, Kleftiko e Sikia. 

A Milos è possibile praticare vari sport acquatici come windsurf e kitesurf sulle spiagge di Papikinou e di Achivadolimni.

Se si amano la canoa o il kayak una visita in una delle tante grotte marine che caratterizzano l’isola è d’obbligo. Varie le escursioni che partono dal porto di Adamas che permettono di visitare spiagge che non sono raggiungibili via terra, come la Grotta dello Smeraldo, Glaronisia, Kleftiko e Sykia e Kimolos.

Le escursioni vengono fatte in barche a vela o in pescherecci, ci sono partenze tutti i giorni e comprendono il pranzo, lasciano il tempo per il bagno e le fotografie. Per gli amanti delle immersioni, invece, sull’isola c’è una scuola di immersioni, mentre gli amanti della pesca subacquea possono praticare lo sport chiedendo la licenza alla capitaneria di porto.

Da non perdere a Milos è il villaggio pittoresco di Klima. Questo piccolo centro formato da una trentina di casette colorate e dalla forma cubica si trova ai piedi di una rupe. Tra gli abitanti di Klima tantissimi gatti. Nelle vicinanze di Klima si trova l’affascinante Plaka, capitale di Milos, che da un’altezza di 220 metri domina l’intera isola.

A pochi chilometri da Klima si trova l’Antico Teatro Romano risalente al III secolo a.C., costruito dagli stessi abitanti. L’anfiteatro sorge a metà tra la costa e la collina sui cui si adagiano armoniosamente i gradini. Del teatro è rimasto molto poco, ma si possono vedere l’auditorium, lo spazio per l’orchestra e il palco.

Gli appassionati di geologia possono fare un giro nel Museo Minerario ad appena un chilometro dal porto di Adamas. Al suo interno è possibile ammirare esposizioni di diversi minerali estratti fin dall’epoca del neolitico e vari esemplari di rocce vulcaniche.

Nelle vicinanze del luogo in cui è stata ritrovata la famosa Venere ci sono le Catacombe che raccolgono 2000 anni di storia. La parte accessibile al pubblico non è molto vasta, ma è ben tenuta e offre un servizio di guida disponibile anche in inglese. Al suo interno ci sono tombe di famiglia e tracce di insediamenti datati in un intervallo di tempo che va dal 3000 al 1100 a.C.

Potrebbe interessarti:

Sulle tracce di Aristotele: Stagira

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Virtuale in mostra al MACRO di Roma

Un giorno solo, martedi 24 gennaio 2017, per visitare la mostra virtuale Dall’oggi al domani. 24 ore nell’arte contemporanea,  al MACRO – Museo d’Arte Contemporanea ...
Vai alla barra degli strumenti