Nuove tariffe delle Gallerie degli Uffizi, sconti e agevolazioni per i visitatori abituali

Print Friendly, PDF & Email

Le nuove tariffe delle Gallerie degli Uffizi proseguono in direzione di una razionalizzazione degli ingressi nei musei statali fiorentini con l’obiettivo di premiare le visite ripetute e stagionali.

Sconti stagionali e orari: le tariffe delle Gallerie degli Uffizi intende rafforzare il rapporto con il territorio, con i cittadini, e con chi prevede un soggiorno prolungato a Firenze.

Dal 1 settembre 2017 è possibile accedere al Giardino di Boboli con una tessera di abbonamento annuale di 25 euro, valida per un anno intero dal giorno della sua attivazione; per i residenti nel comune di Firenze è ancora in vigore l’accesso gratuito attraverso gli ingressi di Annalena e Porta Romana.

Una diversa tessera di uguale estensione temporale, ma comprensiva di tutti i musei di Palazzo Pitti, è acquistabile al prezzo di 35 euro.

La stessa tessera, per gli Uffizi, ha un costo di 50 euro mentre l’abbonamento a tutti e tre i plessi monumentali degli Uffizi, di Palazzo Pitti e del Giardino di Boboli viene offerta al prezzo di 70 euro a partire dal 1 settembre.

La bigliettazione stagionale – l’altra novità introdotta dalle tariffe delle Gallerie degli uffizi  – viene introdotta dal 1 marzo 2018 in tutti i musei (Uffizi, Pitti e Boboli) e prevede una rimodulazione dei prezzi e una riduzione delle tariffe nei i periodi di bassa stagione (dal primo novembre all’ultimo giorno di febbraio). Solamente per il Museo Pitti, inoltre, viene garantita una riduzione del 50% al costo del biglietto se lo si acquista entro le ore 8.59 per accedere nella prima fascia oraria (dalle 8.15 alle 9.25).

Il nuovo sistema delle tariffe delle Gallerie degli Uffizi premia chi viene a vedere tutto il patrimonio artistico concentrato dai Medici e dai Lorena nei nostri musei, ma disincentiva chi sceglie una sola fetta con le opere più famose – commenta il Direttore, Eike SchmidtEsso privilegia chi torna varie volte all’anno, e pertanto si rivolge in particolare ai fiorentini nonché ai forestieri  veramente interessati, mentre intende scoraggiare il turismo mordi-e-fuggi”.

Fonte: Gallerie degli Uffizi

Potrebbe interessarti

FIRENZE: UFFIZI E PALAZZO VECCHIO FINALMENTE UNITI IN UN UNICO PERCORSO

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti