Roma omaggia la grande Anna Magnani con una mostra al Vittoriano

Print Friendly, PDF & Email

 

Ho capito che ero nata attrice. Avevo solo deciso di diventarlo nella culla, tra una lacrima di troppo e una carezza di meno. Per tutta la vita ho urlato con tutta me stessa per questa lacrima, ho implorato questa carezza. Se oggi dovessi morire, sappiate che ci ho rinunciato. Ma mi ci sono voluti tanti anni, tanti errori.

Anna Magnani

 

Autentica, intensa, audace. Anna Magnani è il volto di Roma, e la città omaggia la sua Nannarella con la mostra Anna Magnani (1908-1973) in programma dal 22 luglio al 22 ottobre al Vittoriano nella Sala Zanardelli.

Attraverso un percorso culturale di oggetti vari, foto, materiali audio e video inediti si racconta la figura di questa grande attrice: dagli esordi a teatro e nella rivista fino ai successi di Cinecittà e di Hollywood. 
La mostra ripercorre sia la filmografia della Magnani con la ristampa digitale di foto tratte da pellicola o da set, sia la sua presenza nella vita sociale e culturale dell’ epoca con un vasto materiale di foto di cronaca in parte inedite.

Il Vittoriano, che dedica i suoi spazi alle più significative personalità dell’Italia contemporanea come lo scorso anno con Lucio Dalla, ha scelto quest’anno la Magnani come volto simbolico per narrare la quotidianità, spesso drammatica, della liberazione dal fascismo e della lotta per la modernità. 

Il percorso espositivo si apre con i fotogrammi dei suoi film più famosi famosi, da ‘Teresa Venerdi” a ‘Mamma Roma’, da ‘Roma città aperta’ a ‘Nella città l’inferno’.

È un viaggio all’ interno dell’ immaginario e della memoria di un’icona – afferma il regista e curatore Mario Sesti – il cui corpo e la cui rappresentazione irradiano ancora oggi un senso inconfondibile di questa personalità così nota e popolare. La mostra scopre anche uno scorcio forse inedito, su una Magnani privata, domestica, libera tra le pareti e gli angoli della propria casa”.

A metà percorso è stato ricostruito il suo spazio domestico: il visitatore può così conoscere Anna Magnani donna, immortalata insieme ai suoi grandi amori: Roberto Rossellini, il marito Goffredo Alessandrini, Marlon Brando e Anthony Franciosa, oltre che le sue relazioni con personaggi di spicco del cinema, della letteratura e dello sport.

Questa mostra – continua il curatore Sesti – che disegna la densità di una biografia e del suo riflesso nel Cinema (e viceversa) intende innanzitutto raccontare, anche a chi per età non abbia visto i suoi film,  come la Magnani abbia saputo costruire e offrire lo spessore di una soggettività femminile capace di connettere un abisso antico e recente di  dolore con il sogno inesauribile di felicità e cambiamento”. 

La mostra prosegue con filmati tratti dai cinegiornali dell’Istituto Luce e con la proiezione, negli spazi espositivi, di un documentario delle Teche Rai e di una serie delle più belle scene dei suoi film.Foto di scena e fotogrammi tratti dai suoi film concludono il percorso espositivo nel tentativo di far immergere il visitatore nella plasticità di un volto iconico, ancora oggi di grandissimo fascino.

Credits

L’esposizione è curata da Mario Sesti in  collaborazione della Cineteca Nazionale del Centro Sperimentale di Cinematografia e dell’Istituto Luce, che hanno messo a disposizione i loro archivi fotografici.

Informazioni

Anna Magnani (1908-1973)

Roma – Complesso del Vittoriano, Sala Zanardelli

22 luglio – 22 ottobre

Ingresso Gratuito

Orari: tutti i giorni 9.30 alle 19.30

Sito: www.polomusealelazio.beniculturali.it

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti