Sciopero improvviso negli aeroporti milanesi: vari i ritardi

Print Friendly, PDF & Email

Questa mattina si sono registrati negli aeroporti milanesi vari ritardi a causa di una protesta non annunciata degli addetti ai bagagli. I lavoratori, tutti dipendenti di tutte le società di handling (servizi aeroportuali di terra),  si sono riuniti per protestare contro l’arrivo della cooperativa Alpina, che lavorerà in subappalto per l’handling di Ryanair a Malpensa.

La situazione si è risolta nel corso della mattinata: verso le 10.30 gli aeroporti milanesi, tramite account Twitter, hanno comunicato che l’agitazione a Malpensa era “terminata” e la situazione era “in progressiva normalizzazione”. In un post precedente avevano informato i passeggeri che anche nell’altro scalo milanese la protesta stava rientrando: “A Linate ancora code al check-in, ritardi, ma la situazione si sta normalizzando“.

L‘ assemblea è stata convocata per discutere sulla mancata risposta delle istituzioni a seguito dell’incontro svoltosi ieri in prefettura a Varese. A Linate l’assemblea è finita alle 7, a Malpensa, dove ci sono stati la maggior parte dei disagi, intorno alle 10: si sono verificati ritardi di circa mezz’ora nei voli e ritardi nella consegna dei bagagli.

Il Presidente dell’Autorità di garanzia per gli scioperi, Giuseppe Santoro Passarelli, ha chiesto informazioni urgenti alle società AGS Handling, Alpina, Enac e ai Prefetti di Milano e Varese, in merito all’agitazione di oggi. Si intende accertare, al fine di valutare profili sanzionatori di propria competenza, se l’agitazione sia stata o meno ritualmente proclamata, se sia riferibile ad una organizzazione collettiva di lavoratori ovvero ad iniziative di singoli e il numero dei voli in ritardo.

Fonte: Adnkronos

Potrebbe interessarti:

Al Mudec di Milano arriva la Klimt Experience
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti