Terremoto a Ischia: 2 morti e 39 feriti

Print Friendly, PDF & Email

 

Due donne morte, 39 feriti, duemila gli sfollati a Casamicciola e altri 600 a Lacco Ameno. È questo il bilancio del terremoto che ha colpito la zona tra Ischia e la costa flegrea lo scorso lunedì. Il sisma di magnitudo 4 è stato registrato alle 20:57 a una profondità di 5 km e ha causato diversi danni a edifici e palazzi e un black out sull’isola.

A Casamicciola alcuni crolli hanno travolto delle famiglie. Due donne sono rimaste uccise: una colpita dai calcinacci di una chiesa, un’altra travolta dalle macerie della sua casa. Salvi i tre fratellini di Casamicciola che hanno tenuto tutta l’Italia con il fiato sospeso, dopo 16 ore di lavoro da parte dei soccorritori.

Escluso l’allestimento di tendopoli, per l’accoglienza degli sfollati si confida di far ricorso alle diverse strutture ricettive presenti sull’isola verde. Verrà dichiarato lo stato di emergenza e verrà nominato un Commissario.

Paura tra i tanti turisti presenti sull’isola per le vacanze estive, molti dei quali hanno deciso di abbandonare Ischio, per la paura di crolli. A nulla sono valse le rassicurazioni dei sindaci circa la localizzazione dei crolli. I geologi dal canto loro evidenziano che si tratta di crolli anomali per un terremoto di magnitudo 4.

La cancelliera Angela Merkel, assidua frequentatrice dell’isola ha espresso vicinanza ai cittadini colpiti dal sisma e ai soccorritori che stanno facendo il loro meglio. 

Il commissario europeo per gli Aiuti umanitari, Christos Styilianides ha annunciato che l’Unione europea è pronta ad intervenire : “La Ue è totalmente pronta ad aiutare – ha fatto sapere il commissario in una nota – il nostro Centro di coordinamento per le risposte d’emergenza è in contatto con la Protezione civile sin dalle prime ore” dopo la scossa, “siamo pronti a fornire ogni assistenza immediata che le autorità nazionali ci chiederanno“.

Fonte: ANSA

Potrebbe interessarti:

Ingv e il Centro Allerta Tsunami dove si osservano in anticipo i maremoti
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti