Castel Sant’Angelo ospita le ultime conversazioni per Sere d’Arte

Print Friendly, PDF & Email
Sere d'Arte, Castello Sant'Angelo

Murgia, Benni e Malvandi: ecco gli ultimi appuntamenti in programma per la rassegna sui prigionieri illustri.

Tre grandi scrittori del panorama contemporaneo italiano per chiudere la rassegna curata da Antonio Audino, Prigionieri illustri a CastelloSono Michela Murgia, Stefano Benni e Marco Malvandi, protagonisti delle ultime tre Sere d’Arte a Castel Sant’Angelo. 

Tre ultime conversazioni a Castel Sant'Angelo

© www.art-city.it

Oggi giovedì 31 agosto, Michela Murgia racconta Beatrice Cenci alle ore 21.00. Ricostruirà i fatti che portarono all’incarcerazione ed alla decapitazione della nobildonna protagonista di una delle vicende più fosche del Cinquecento romano. Beatrice Cenci, sottoposta da un padre dissoluto e violento che spesso abusava di lei sessualmente, venne decapitata davanti al Castello l’11 settembre del 1599.

L’autrice ama raccontare realtà scomode, mettendo a fuoco racconti complessi sempre ancorati alla realtà, con un profondo interesse per le tematiche relative alle donne e soprattutto alle violenze che queste subiscono.

Stefano Benni racconta Benvenuto Cellini domenica 3 settembre. In occasione della prima domenica del mese, l’ingresso sarà libero. L’autore ricostruirà le vicende che portarono una delle più controverse personalità del Cinquecento nelle celle di Castel Sant’Angelo fra il 1527 e il 1539. Cellini, artista ideatore di oggetti di una raffinatezza infinita, ma anche uomo violento, coinvolto in numerose azioni delittuose.  

Scrittore, sceneggiatore e drammaturgo, Benni è caratterizzato dal mescolare tonalità espressive differenti, figure concrete e figure di sogno, fondendo tutto attraverso una sua lingua originale con un’ampia gamma di registri.  

Infine, Marco Malvaldi racconta Giordano Bruno domenica 10 settembre. A narrare le vicende dell’importante filosofo del Seicento detenuto a Castel Sant’Angelo sotto l’accusa di eresia. Prigioniero a Castello fino a 1600, fu arso vivo a Campo de’ Fiori.

Malvaldi, interessato alle piccole e grandi storie della provincia in cui è nato e vive tutt’ora. Ha anche dedicato un volume al grande teorico della cucina nazionale, Odore di chiuso, un giallo con Pellegrino Artusi come protagonista.

 

Info: www.art-city.it

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti