Venezia 74: al via la II edizione del Premio Migrarti

Print Friendly, PDF & Email

Venezia. Dopo il successo dello scorso anno, al via la II edizione del Premio MigrArti con 23 cortometraggi che raccontano i “nuovi italiani”, allo scopo di valorizzare le culture e le popolazioni immigrate in Italia, nell’ottica dello sviluppo, del confronto e del dialogo interculturale, grazie allo stanziamento di risorse che quest’anno ha raggiunto 1 milione e mezzo di euro.

I 23 corti in concorso, presentati ieri al Lido dal Ministro Dario Franceschini, realizzati sia da associazioni sia da società di produzione cinematografica, raccontano storie di vita e di diverse culture che vivono il processo di integrazione nel tessuto sociale del nostro Paese, tracciando uno spaccato dei “nuovi italiani”. Un modo per riconoscere e dialogare con le tante realtà che in Italia si occupano di quei popoli migranti.

La giuria, presieduta dal regista Francesco Patierno, nominerà il vincitore di questa seconda edizione del Premio Migrarti venerdì 8 settembre alle ore 15.30 in Sala Taverna.

“L’obiettivo di MigrArti è quello di far conoscere e dare voce alle culture e alle comunità di immigrati presenti nel nostro Paese – ha dichiarato il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini – la conoscenza è un valido strumento per alimentare il rispetto della diversità e costituisce un ottimo antidoto contro la paura e il sospetto. Ed è il motivo per il quale abbiamo raddoppiato le risorse di questo importante progetto anche per il 2018”.

 

Proiezioni (Sala Casinò):

6 settembre ore 11.30

 

La macchia di Luca Cusani (4’)

Figli maestri di Simone Bucri (15’)

La recita di Guido Lombardi (15’)

L’amore senza motivo di Paolo Mancinelli (15’)

La consegna di Suranga D. Katugampala (16’)

Sara di Paolo Civati (16’)

Quasi domani di Gianluca Loffredo (10’)

Nella Yugosfera di Roberto Malfatto (15’)

7 settembre ore 11.30

 

A mio padre di Gabrielle Allan Gutierrez Laderas e Alessio Tamborini (15’)

Nkiruka il meglio deve ancora venire di Simone Corallini e Silvia Luciani (14’)

Il guastafeste di Giuseppe Tandoi (13’)

Jululu di Michele Cinque (15’)

Ambaradan di Paolo Negro e Amin Nour (15’)

Joy di Daniele Gaglianone (16’)

Gaga di Giulia Brazzale e Luca Immesi (12’)

Il tratto di Alessandro Stevanon (15’)

8 settembre ore 11,30

 

Codici d’amore di Saverio Paoletta e Harvinder Singh (15’)

La giraffa senza una gamba di Fausto Romano (15’)

L’incontro di Michele Mellara e Alessandro Rossi (15’)

Interno 4 Safari-Cirillo di Paolo Bianchini (15’)

Il passo di Mohamed Hossameldin (15’)

Johnny di Filippo Ticozzi (15’)

Idris di Kassim Yassin (13’)

 

Fonte: Ufficio Stampa Mibact

Potrebbe interessare:

Venezia 74: Clooney, Del Toro, Schrader, Payne, Aronofsky e Wiseman si sfidano per il Leone d’Oro
Venezia 74: tutti gli appuntamenti dello stand della Regione Veneto
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti