Weekend benessere sulle rive del Lago di Garda

Print Friendly, PDF & Email

Forse la verità dipende da una passeggiata intorno al lago.
(Wallace Stevens)

Il Lago di Garda è una zona ricca di fonti termali. Oltre alle strutture termali più rinomate, come ad esempio le Terme di Sirmione, sono nate molte beauty farm, SPA, saune, centri estetici che offrono ottimi trattamenti di benessere. Niente di meglio quindi che approfittarne a settembre per concedersi, al rientro dalle vacanze un lungo, intenso e rilassante weekend benessere, proprio nei meravigliosi luoghi poggiati sulle rive del Garda.

ll Lago di Garda è il più grande dei laghi italiani. la dolcezza del clima, una ricca vegetazione, costituita prevalentemente da olivi, palme, cipressi, limoni, oleandri e aranci, assieme alla grandiosità dei paesaggi e all’intensa colorazione dell’acqua, con una marcata tonalità blu trasparente, lo rendono il più attraente dei laghi italiani.

Il benessere qui è a portata di mano, essendo questo lago il luogo ideale per ritrovare il proprio equilibrio psicofisico e riscoprire energia, bellezza e armonia interiore, dimenticando per un momento che le vacanze estive sono giunte al capolinea.

Storici e rinomati complessi termali in bellissime località offrono relax, bellezza ed equilibrio psico-fisico senza limiti.

Sirmione

 

Un luogo magico e caratteristico adagiato sulla sponda lombarda del Lago, fregiato del titolo di ‘Perla del Garda’, adagiata su una lingua di terra stretta e lunga protesa per 4 chilometri sulle acque del lago.Un luogo magico e caratteristico adagiato sulla sponda lombarda del Lago, fregiato del titolo di ‘Perla del Garda’, adagiata su una lingua di terra stretta e lunga protesa per 4 chilometri sulle acque del lago.

Il suo centro storico è su ogni lato circondato dall’acqua e l’unica via di accesso al paese, uno splendido borgo medievale, è il ponte che oltrepassa fossato e mura di cinta merlate e imponenti di uno dei castelli scaligeri meglio conservati d’Italia.

Al limite della penisoletta, allontanandosi dal centro, si arriva su una collina dove è possibile ammirare le Grotte di Catullo, una Villa Romana in cui si ritiene vivesse la famiglia del noto poeta, che conserva affreschi risalenti al I e II secolo avanti Cristo.

La sua posizione offre al visitatore l’opportunità di godere di un panorama vista lago incantevole. Alberi di limone, ulivo e cedro incorniciano questa splendido gioiello lacustre.

. Sirmione, già dal nome, evoca antiche sorgenti termali d’epoca romana, di fatto presenti ancora oggi: le splendide Terme di Sirmione, tra le realtà termali più importanti d’Italia.

La fonte d’acqua termale sulfurea salsobromoiodica, che sgorga spontaneamente dalle profondità del Lago e che compie un percorso di ben 20 anni per arricchirsi di tutti gli elementi che le conferiscono elevate proprietà preventive e terapeutiche, qui è nota già dal Rinascimento e dal 1889 si è dato inizio a una grande tradizione votata al benessere con la costituzione delle famose e rinomate Terme: questa particolare fonte viene utilizzata sia negli hotel Termali di Sirmione che nei complessi Virgilio e Catullo e nel centro benessere termale di Sirmione:

Acquaria, incastonato in un suggestivo parco e circondato dalla splendida cornice del Lago di Garda che offre tutto quello che serve per rigenerarsi e ritrovare serenità e bellezza: oltre 10.000 mq di benessere termale tra piscine, idromassaggi, lettini effervescenti, percorso vascolare e palestra. E ancora, saune interne ed esterne, bagni di vapore, Argillarium e docce emozionali vista lago.

Tra una passeggiata sul lungolago e una visita al centro storico, ci si può senz’altro concedere un soggiorno termale in questo rigenerante centro benessere.

Lazise

I suoi paesaggi lacustri, il suo clima mite, la presenza di diverse sorgenti e laghetti termali, rendono Lazise un luogo ideale per ritrovare benessere e forma fisica.

È ricca di splendidi monumenti e rimandi medievali: i resti delle mura di cinta antiche, la Torre campanaria, le pavimentazioni del centro storico – a scacchi sulla piazza e mattonellati sul lungolago e nei vicoli del borgo -, la Dogana Veneta (celebre edificio di epoca veneziana, costruita nel Trecento) affacciata sul lago, Il Castello Scaligero.

Altra meraviglia sono le Ville rinascimentali (Ville Moscardo e Da Sacco a Colà e Villa De Beni a Pacengo), le Ville romantiche (Ville Buri, Bagatta, Pergolana a Lazise, Villa Alberti a Pacengo, Villa Dei Cedri a Colà). Villa dei Cedri è famosa per le sue vasche termali in cui trovare pace e relax e fare un bagno immersi nel verde.

Proprio nei pressi di Colà di Lazise, sulla sponda veronese e abbracciato da paesaggi di vigne, ulivi e frutteti, si estende il magnifico Parco Termale del Garda, dove tra ampi prati ed alberi secolari si può fare il bagno in due laghetti di acqua termale.

Oltre ai rinomati centri termali, sulla sponda del Lago sorgono più di 60 hotel immersi in scenari magici con centri wellness e servizi benessere. È l’enorme complesso di Villa dei Cedri, da qualche anno sede del parco termale:

l’edificio principale è una residenza neoclassica eretta tra il 700 e 800, con interni di adeguato valore artistico; quattrocentesca è invece villa Moscardo, con annesse foresteria, scuderie e una grande serra in ferro battuto. Il parco delle terme di Lazise Colà è formato da 13 ettari, con lago ed alberi di secolare imponenza, in larga parte sempreverdi. La sorgente termale è stata scoperta solo nel 1989 all’interno del parco secolare della settecentesca Villa dei Cedri; il riconoscimento ufficiale delle proprietà terapeutiche dell’acqua  avvenuto nel 1996 ha visto sorgere nel 1997 l’attrezzato Parco Termale. Sparse nel parco ci sono oltre alle numerose fontane per la terapia idropinica che favorisce la diuresi, anche le grotte sudatorie.

Arco

È un luogo suggestivo, immergendosi nel quale si viene dirottati al tempo delle lotte intestine tra guelfi e ghibellini nel feudo dei conti d’Arco. Arco è la cittadina più a sud del Trentino Alto Adige, sulla riva nord del lago di Garda, ed è stata soprannominata Clinica Naturale e Nizza del Trentino per la qualità della sua aria pura, il clima mite e il suo giardino mediterraneo, qualità che la rendono meta ideale per l’agognato benessere. Una cittadina che merita di essere visitata per molti motivi in virtù della sua storia.

La parete rocciosa – emblema della città –  con le rovine della Torre di Arco, un castello medievale – il Castello di Arco – , situato a 273 m di altitudine e raggiungibile con una passeggiata di 20 minuti tramite più di un sentiero attraverso gli ulivi.

La vista sulla città e sul paesaggio circostante è unica. È una delle fortezze medievali più belle dell’arco alpino, con il suo bel balcone verde che affaccia sul Garda Trentino, il Prato della Lizza, la Torre Grande con le sue pareti, la Prigione del Sasso, la suggestiva Sala degli Affreschi dove da vedere ci sono soprattutto le grandi rappresentazioni del gioco degli scacchi e delle battaglie. Ed inoltre la vista che offre è uno degli spettacoli più belli e affascinanti di tutto il Nord Italia.

Le splendide ville in stile liberty, palazzi e architetture neogotiche, simbolo della dominazione austro-ungarica.

Tra le chiese è degna di nota la Collegiata dell’Assunta, che si trova nella piazza principale della città ed è stata realizzata nel diciassettesimo secolo. Da vedere anche il quattrocentesco Santuario di Santa Maria delle Grazie, la Chiesa di Sant’Anna, Chiesa di Sant’Apollinare, Eremo di San Paolo (arroccato e impreziosito da incantevoli affreschi) e il  Palazzo dei Panni, voluto dal conte Gianbattista d’Arco, trasformato poi nel Settecento in un lanificio per combattere la disoccupazione.

E per chi vuole concedersi qualche ora di sport acquatico o anche solo un po’ di relax balneare, un’ottima soluzione è il Lido di Arco: è un tratto di spiaggia attrezzata perfetto per chi vuole coniugare la vacanza al lago con quella in montagna, perfino con possibilità molto avanzate per il windsurf.

In tema soggiorno benessere, Arco offre un bellissimo centro termale da poco entrato nel novero dei complessi termali del Lago di Garda: Garda Thermae, un innovativo e tecnologico centro termale con piscine, sauna finlandese, vasche idromassaggio, bagni di vapore, argillarum.

E tra un massaggio e un bagno termale, ci si può ritagliare un po’ di tempo per visitare i bellissimi gioielli del lago di Garda: i suoi raccolti e pittoreschi borghi.

Peschiera del Garda 

Altra eccellente meta per un rilassante soggiorno sul Lago di Garda è la veneta città murata di Peschiera. Si adagia sul lago nelle sua estremità sud est, quella veneta e veronese. Sin dall’epoca romana nodo strategico cruciale per il fatto di essere posizionata alla bocca del fiume Mincio, anche se oggi la vediamo nelle sue fattezze medievali, quando vennero erette fortificazioni e ci fu la deviazione del fiume in 3 rami per far si che la cinta muraria della città venisse circondata e la fortezza di Peschiera diventasse inespugnabile. Seguendo in sella la lunga pista sul corso del Mincio, da Peschiera si arriva direttamente alla meravigliosa Mantova

Il centro storico di Peschiera è racchiuso dalle mura cinquecentesche a forma pentagonale e circondato dall’acqua. Tra i bastioni e i vicoli ci si perde nella miriade di negozi e locali in cui soffermarsi ad acquistare qualche ricordo del bel lago.

Sulla piazza Ferdinando di Savoia, il lungo edificio del Carcere Militare e la Parrocchiale di S. Martino (del 18esimo secolo) nei pressi della quale si rinvennero resti dell’abitato romano.

. Andando a sud il santuario della Madonna del Frassino, di fondazione cinquecentesca, conserva dipinti di scuola veronese del sedicesimo e diciassettesimo secolo, e nei dintorni, il Laghetto del Frassino. La chiesa è chiamata così per un miracolo avvenuto nel 1510 (il miracolo di Broglia: un contadino, Bartolomeo Broglia, fu salvato da un serpente grazie all’immagine della Madonna apparsa tra i rami di un frassino.

Il porto e i porticcioli sono punti di partenza per escursioni e giornate di sole alla scoperta del golfo e del Lago di Garda.Canali, ponti, piazzette ampi slarghi caratterizzano la città rendendola unica.

Limone 

Quale modo migliore per continuare il proprio weekend di benessere del visitare le limonaie del Garda? Anche se forse il nome di questa località lacustre non deriva dal nome della pianta ma da limen (confine), è un luogo in cui i limoni regnano sovrani. Borgo di pescatori e contadini, nonché vero paesaggio da cartolina, Limone vede crescere in gran quantità gli agrumi gialli e da qui nel ‘700 venivano esportati in tutto il Nord Europa. Nel ‘900 la coltivazione dei limoni venne abbandonata perché meno redditizia rispetto al nascente turismo, ma le limonaie sono rimaste al centro dell’economia locale attirando ogni anno migliaia di visitatori. in questo borgo casette in pietra con piccoli balconi fioriti che si stringono attorno al vecchio porticciolo la fanno da padroni.

Le limonaie si stagliano sopra l’abitato e lo colorano e profumano in modo unico, oggi è possibile visitare questi luoghi tipici per conoscerne la storia, tra tutte spicca la Limonaia del Castel, a nord ovest del centro storico, sita tra la montagna e le vie Orti e Castello, la limonaia si estende su più terrazzamenti dette “còle”, su ognuna di esse è possibile ammirare piante di limoni, mandarini, e chinotti

Tra gli edifici sacri da visitare, la Chiesa di San Rocco, risalente al XIV secolo, e la barocca Parrocchiale di San Benedetto, del 1691, incastonata tra roccia, lago e limoni, che vanta un ricco patrimonio artistico, tra cui una pregevole scultura lignea del ‘500, due tele che rappresentano la Maddalena, Cristo e l’Epifania di Andrea Celesti, e una Deposizione di scuola bresciana.

Limone è anche uno scrigno di bellezze naturalistiche, da ammirare con lunghe passeggiate che permettono di conoscere meglio il territorio dell’Alto Garda. Una delle opzioni più amate è il Sentiero del Sole, dominato dall’alto dai pendii rocciosi del Monte Palaer e della Punta dei Larici, e si snoda fino ai rifugi militari della Grande guerra in località Reamòl.

Desenzano 

Desenzano è ideale per i weekend romantici e di relax, accompagnati dal mite clima di fine estate. Emblema della città di Desenzano del Garda è il caratteristico Porto Vecchio, con i portici in stile veneziano che dominano il paesaggio acquatico.

Edifici e monumenti presenti in città ne raccontano la sua storia: Il castello di Desenzano, risalente all’undicesimo secolo, si presenta come una fortezza in mattoncini di pietra e malta con quattro torri angolari. Anche se ha subito rimaneggiamenti durante il corso dei secoli, il castello è ancora oggi in condizioni perfette; il Duomo di Santa Maria Maddalena, in centro città risalente al quindicesimo secolo. L’edificio presenta una facciata rimaneggiata nei secoli, dal volto ispirato allo stile neoclassico (si nota dal frontone) e barocco (come si denota dagli interni).

Un posto molto particolare situato nel centro storico sono gli scavi archeologici (visitabili) che hanno portato alla luce una villa romana e il suo antiquarium. Si tratta principalmente di una residenza di villeggiatura per gente patrizia, risalente al periodo della colonia romana.

Desenzano è poi la città natale di Sant’Angela Merici, la cui casa si trova proprio nella cittadina.In città si trovano in prima linea le tre principali spiagge, distese di sassi poste lungo il lago. Anche i parchi sono numerosi: in centro città si trova il Parco del Laghetto, ricco di percorsi nella natura e campi da gioco

 

Fonti: Visit Garda, Benessere lago di Garda, Terme di Sirmione

 

Potrebbe interessarti anche:

Tra eleganti ville e giardini da sogno: weekend sul Lago Maggiore
Weekend di Pasqua sul Lago di Garda
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti