Leopardo delle nevi, petizione globale per salvarlo: appello anche dalle star

Print Friendly, PDF & Email
Leopardo delle nevi petizione

Una nuova petizione globale da oltre 200 mila firme a favore del leopardo delle nevi, promossa dal Wwf, approda all’International Snow Leopard Summit and Ecosystem Forum, tenutosi a Bishkek (Kyrgyzstan) dal 23 al 25 agosto dove si sono riuniti i leader dei 12 Paesi in cui è presente questa rara specie.

Tra le tante firme ottenute in tutto il mondo figurano anche nomi celebri come quelle di Leonardo Di Caprio e Megan Fox. Oggi restano circa 4.000 esemplari del leopardo delle nevi (Panthera uncia), situati in maniera frammentata tra le montagne di Afghanistan, Bhutan, Cina, India, Kazakhstan, Kyrgyzstan, Mongolia, Nepal, Pakistan, Russia, Tajikistan e Uzbekistan.

Il Wwf ha promosso la petizione insieme a Snow Leopard Trust e Nabu. Un recente studio dell’Ufficio Traffic, “denuncia l’uccisione di circa 450 esemplari di leopardo delle nevi ogni anno da bracconieri, un massacro legato al commercio illegale di fauna selvatica, la stessa piaga che sta decimando elefanti, rinoceronti e tigri in Asia e in Africa” – spiega l’organizzazione.

Recenti studi segnalano che il cambiamento climatico potrebbe cancellare oltre due terzi degli habitat del leopardo delle nevi nei prossimi 50 anni – afferma il Wwf – Questa minaccia, insieme ai progetti infrastrutturali che frammentano i corridoi naturali fondamentali per la specie, renderà più veloce l’estinzione“.

La richiesta del Wwf ai paesi interessati dalla presenza del leopardo delle nevi è di “rafforzare gli impegni presi in precedenza per evitare danni irreversibili a un territorio conosciuto come la ‘grande riserva idrica del pianeta‘: i 20 grandi fiumi asiatici presenti in questi territori rischiano infatti di ridurre la loro portata a causa dei cambiamenti climatici”. Le risorse idriche di quei territori, sostiene l’ong, risultano fondamentali per la specie oltre che per il benessere di centinaia di milioni di cittadini.

Fonte: Ansa

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti