Castello di Meleto, il primo bilancio della vendemmia a Gaiole in Chianti

Print Friendly, PDF & Email
Castello di Meleto

Nonostante le quantità ridotte la vendemmia nel Castello di Meleto, a Gaiole in Chianti, prosegue con ottimi risultati in vista della Festa della Vendemmia il prossimo 27 settembre.

La vendemmia iniziata il 31 agosto, e ancora in pieno svolgimento, sta attraversando una stagione non facile per le condizioni metereologiche, dalle temperature rigide di maggio al caldo record di luglio e agosto con la totale assenza di piogge. “L’annata è stata particolarmente complicata dal punto di vista agronomico e ci ha costretto a continui adattamenti per limitare lo stress idrico” – ha spiegato l’agronomo Giovanni Maria Farina.

Il primo bilancio della vendemmia però evidenzia un ottimo risultato qualitativo, visto che il poco carico di uva ha consentito alla pianta di concentrare le sostanze di accumulo nei grappoli. Una qualità resa possibile anche grazie alla vendemmia manuale, applicata in quasi tutti i vigneti aziendali, per consentire la selezione del prodotto migliore. “Le punte di eccellenza saranno nelle zone di Casi, Poggiarso e San Piero, dove il Sangiovese ha beneficiato della calura estiva senza destare troppe preoccupazioni – prosegue Farina – Anche il Vermentino della zona Castello sembra avere risposto bene alle difficoltà climatiche con abbondanza di produzione e altissima qualità”.

La prossima tappa è ora la cantina dove – sotto la regia dell’enologo Matteo Menicacci – la maggior parte delle uve sono sottoposte ad una seconda selezione al tavolo di cernita, allo scopo di rispettare tutto il lavoro fatto in vigna ed intervenire minimamente in cantina. Da qui forma le future etichette firmate Castello di Meleto che raccontano nel calice il territorio del Chianti.

Fonte: Castello di Meleto

Potrebbe interessarti:

brunch della vendemmia

GAIOLE IN CHIANTI OSPITA IL “BRUNCH DELLA VENDEMMIA” NEL CASTELLO DI MELETO

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti