Festa delle mele di Antey e Gressan: ecco come la Valle d’Aosta festeggia il suo frutto

Print Friendly, PDF & Email

La Valle d’Aosta dedica alla mela due importanti sagre autunnali: la “Festa delle Mele” di Gressan e “Melevallée” ad Antey-Saint-André.

Due feste che si celebrano ogni anno, rispettivamente la prima e la seconda domenica di ottobre, divenute oramai occasioni golose per assaporare specialità preparate con le diverse qualità di mela, come le gelatine, marmellate, succhi di frutta, sidro, torte e crostate.

A Gressan i festeggiamenti coincidono con il concorso che assegna il riconoscimento alla migliore produzione locale, con una giuria di esperti valuta aspetto, integrità e dimensione delle mele in gara.

Ad Antey, invece, nelle vie del vecchio borgo, gli espositori vendono delizie di ogni tipo, tutte preparate con le mele della Valle d’Aosta.

La mela è il frutto più coltivato in Valle d’Aosta e la sua produzione supera i 50.000 quintali annui.

In questa regione alpina, grazie all’altitudine e all’estati secche e ventose, la mela raggiunge un’eccellente maturazione, senza correre grandi rischi di malattie, rendendola così un frutto sano, che non subisce tutti i trattamenti anticritogramici necessari in altre aree.

Frutteti di una certa estensione si trovano nelle zone di Saint-Pierre, Sarre e Villeneuve, dove si coltivano varietà come la Renetta , simbolo della tradizione frutticola valdostana, dalla polpa finissima e profumata e dalla buccia rugosa di colore giallo-ruggine, particolarmente indicata per la produzione di torte, frittelle e altre specialità culinarie.

Mela renetta della Valle d’Aosta

Oppure la Golden delicious, dalla polpa succosa, zuccherina e croccante e dalla buccia giallo-rosata. Una mela molto aromatica, tanto da meritarsi l’appellativo di ‘perla’ della tavola.

Mela golden delicious valdostana

 

Fonte: Ufficio regionale del turismo della Valle d’Aosta

Potrebbe interessare:

Sagre, gli appuntamenti nel Lazio durante i fine settimana di settembre
Infinita Catalogna, tra meravigliosi paesaggi ed un’ottima cucina
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti