GamManzoni presenta “Macchiaioli. Capolavori da collezioni lombarde”

Print Friendly, PDF & Email
Telemaco Signorini, Via di Ravenna, olio su tela 33,5 x 51,5 cm (in mostra a Macchiaioli)

Arriva l’appuntamento autunnale da non perdere a Milano con capolavori del movimento pittorico ottocentesco italiano.

Il 20 ottobre 2017 parte a Milano “Macchiaioli. Capolavori da collezioni lombarde”, mostra curata da Francesco Luigi Maspes ed Enzo Savoia. La rassegna dedicata al movimento dei Macchiaioli durerà fino al 25 febbraio 2018.

Dalle sale del caffè Michelangelo a Firenze, i Macchiaioli si riconoscevano attorno ad una pittura di ‘impressione’ attuata per mezzo di macchie di colore. Più tardi, il movimento virò verso nuovi valori pittorici fondati sul rapporto dei colori e sui volumi costruiti tramite i contrasti di luce e di ombre. 

Opera in mostra a "Macchiaioli"

© www.gammanzoni.com

In mostra 35 capolavori di autori come Giovanni Fattori, Telemaco Signorini, Silvestro Lega, Giuseppe Abbati, Odoardo Borrani e Nino Costa. Tutti si fecero portavoce di un nuovo modo di sentire la pittura che cogliesse il senso del vero, in contrapposizione contro lo spirito accademico. 

Con questa raccolta, l’iniziativa punta ad analizzare l’evoluzione stilistica di un movimento fondamentale per la nascita della pittura moderna italiana ed a indagare la fortuna storica di questi artisti all’interno delle collezioni private lombarde.

Credits:

“Macchiaioli. Capolavori da collezioni lombarde”
20 ottobre 2017 – 25 febbraio 2018
Gammanzoni
Via Manzoni 45 – Milano

A cura di Francesco Luigi Maspes ed Enzo Savoia, col patrocinio del Comune di Milano, della Città Metropolitana, della Regione Lombardia e della Commissione Europea. Accompagna la mostra un catalogo GAMManzoni con un testo di Andrea Baboni.

Orari

Da martedì a domenica: dalle ore 10 alle 13; dalle ore 15 alle 19 (ultimo accesso 18.30)
Aperture straordinarie: 1 novembre, 8-26 dicembre, 1-6 gennaio 

Ingresso

6€

Info

www.gammanzoni.com
Tel. +39 02.62695107
Mail. info@gammanzoni.com

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti