Gli italiani e il vino. Coldiretti: aumentano i consumi nel 2017

Print Friendly, PDF & Email

Il vino ritorna sulle tavole degli italiani nel 2017 con un aumento record degli acquisti delle famiglie trainato dai vini Doc (+5%), dalle Igt (+4%) e degli spumanti (+6%).

È quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Ismea dalla quale si evidenzia che, dopo aver conquistato bar e ristoranti, si registra complessivamente un balzo del 3% anche tra le mura domestiche, con una profonda svolta verso la qualità come dimostra il fatto che a calare sono solo gli acquisti di vini comuni (-4%). 
 
Una buona notizia per il vigneto Italia divulgata dalla Coldiretti al giro di boa della vendemmia, che, con piu’ della metà dell’uva già raccolta, si festeggia nei mercati di Campagna Amica dove nel week end grandi e piccini possono pigiare l’uva, partecipare alle prime lezioni del Sommelier del mosto, assaggiare dolci a base di succo di uva o degustare i vini del territorio.
 
Dopo che negli ultimi 30 anni i consumi di vino si sono più che dimezzati toccando il minimo storico dall’unità di Italia con una stima di 33 litri a persona alla anno, il calo – sottolinea la Coldiretti – si è arrestato anche se i livelli nazionali restano di molto inferiori a quelli della Francia dove il consumo di attesta sui 45 litri.

Complessivamente con 31,8 milioni di ettolitri di vino consumati nel 2016, gli USA sono il primo consumatore mondiale seguiti da Francia (27 milioni di ettolitri, dall’ Italia (22,5 milioni di ettolitri), dalla Germania (20,2 milioni di ettolitri e dalla Cina 17,3 milioni di ettolitri, secondo elaborazioni Coldiretti su dati Oiv, l’Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino.
 

Nel bicchiere degli italiani grande successo per i vini locali, sempre più protagonisti sugli scaffali dei supermercati, dal Lambrusco al Chianti, dal Montepulciano d’Abruzzo alla Barbera, fino al Nero d’Avola, al Vermentino, al Muller Thurgau, al Gutturnio, in alternativa ai vitigni internazionali. Crescono nel carrello anche le produzioni autoctone che, dopo aver rischiato la scomparsa, sono state recuperate e rilanciate dagli agricoltori, dal Pecorino al Primitivo, dal Pignoletto alla Ribolla Gialla, dal Custoza al Valpolicella Ripasso ma anche il Negroamaro, il Lagrein e il Traminer.
 
Il vino italiano trionfa anche all’estero dove le esportazioni hanno registrato un aumento dell’8% rispetto allo scorso anno quando avevano raggiunto su base annuale i 5,6 miliardi di euro: la prima voce dell’export agroalimentare nazionale, secondo l’analisi della Coldiretti su dati Istat relativi al primo semestre.

A spingere la domanda oltre confine sono le vendite di spumante che con un balzo del 14% in molti casi sfidano ormai alla pari lo champagne.
 

Un’ottima notizia in un anno difficile per la vendemmia che nel 2017 si prevede essere tra le più scarse dal dopoguerra a causa del maltempo e siccità. Se non ci saranno sconvolgimenti, le uve Made in Italy saranno destinate per oltre il 40 per cento ai 332 vini a denominazione di origine controllata (Doc) e ai 73 vini a denominazione di origine controllata e garantita (Docg), il 30 per cento ai 118 vini a indicazione geografica tipica (Igt) riconosciuti in Italia e il restante 30 per cento a vini da tavola.
 
Nonostante il calo, l’Italia manterrà il primato produttivo mondiale davanti alla Francia dove le prime stime per il 2017 danno una produzione in forte diminuzione sul 2016, per un totale stimato attualmente tra i 36-37 milioni di ettolitri a causa delle gelate tardive. 
 
Il vino italiano è cresciuto scommettendo sulla sua identità, con una decisa svolta verso la qualità che ha permesso di conquistare primati nel mondo e in Italia. –  dichiara il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo – Occorre ora sostenere lo sforzo delle imprese proseguendo sulla strada della semplificazione ottenuta con l’approvazione del Testo Unico “taglia burocrazia”, che è il frutto di una lunga mobilitazione per liberare le energie del settore più dinamico del Made in Italy a tavola”.
 

Dalla vendemmia in Italia si attiva un motore economico che genera oltre 10,5 miliardi di fatturato: secondo una ricerca di Coldiretti, per ogni grappolo di uva raccolta si attivano ben diciotto settori di lavoro dall’industria di trasformazione al commercio, dal vetro per bicchieri e bottiglie alla lavorazione del sughero per tappi, continuando con trasporti, accessori, enoturismo, cosmetica, bioenergie e molto altro.

Fonte: Coldiretti

Potrebbe interessarti:

Enotour in Basilicata: alla scoperta dei luoghi dell’Aglianico

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti